Quella polizza salva-vecchiaia

12 Gennaio Gen 2018 12 gennaio 2018

Il mondo attorno a noi cambia rapidamente. Cambiano le abitudini di vita, gli scenari demografici, le nostre esigenze, le realtà sociali con cui siamo chiamati a confrontarci. Non è il semplice cambiamento a rischiare di travolgerci, è la velocità con cui questo si sta determinando. Pensate, gli uomini hanno impiegato secoli per passare dalla scoperta del fuoco a quella della ruota. Poi tutto ha iniziato ad accelerare.

Dalla macchina a vapore, alla macchina a benzina, ai razzi che ci hanno portato sulla luna sono passati solo pochi anni. Questa velocità ci ha disorientati, la velocità del cambiamento c'impedisce di cavalcarlo come vorremmo, come dovremmo. Le nostre vite si sono allungate e migliorate: nel 1800 la durata media era di 40 anni, oggi superiamo gli ottanta. Ma abbiamo smesso di fare figli e questo sta portando non solo all'invecchiamento progressivo della società, ma alla costante diminuzione della classe più produttiva: nel 2031 tra i 25 e i 54enni, secondo l'Istat, in Italia ci sarà una riduzione di quasi 6 milioni di unità.

Tutto questo avrà impatti devastanti sulle nostre vite, impatti che potremo arginare solo se saremo pronti ad affrontarli, solo se avremo guide in grado di aiutarci a navigare in un mare che non conosciamo e che non abbiamo mai attraversato prima d'ora. Pensate ai sistemi pensionistici, come potranno sostenersi? Come faranno le famiglie se nel 2050 ci saranno 8,5 milioni di ultra ottantenni contro gli attuali 4? Chi pagherà per la loro assistenza? E i nostri figli sempre più in difficoltà a entrare nel mondo del lavoro chi continuerà a sostenerli?

Il risparmio rappresenta l'unica garanzia che ci è rimasta per arginare questo fiume che corre veloce, ma mentre il cambiamento corre il risparmio è statico. Vanno fatte scelte diverse e vanno fatte in fretta. Programmare il futuro è programmare progetti finanziari adeguati ai nuovi scenari con cui saremo chiamati a confrontarci. Di questo si parlerà nel corso della trasmissione Mercati Che Fare in onda, domani, sabato, alle 20.30 su TgCom24 di Mediaset.

leopoldo.gasbarro@me.com

Commenti

Commenta anche tu