Claudia Gerini sta con la Deneuve: "Senza le avances finisce il mondo"

Claudia Gerini sta con la Deneuve: Senza le avances finisce il mondo
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
13 Gennaio Gen 2018 13 gennaio 2018

L'attrice romana commenta il caso Weinstein e invita le donne a non mettere in atto una caccia alla streghe

La lettera pubblicata alcuni giorni fa su Le Monde, a cui ha aderito anche Catherine Deneuve, ha creato molto scalpore. A commentarla è ora Claudia Gerini.

Da quando è scoppiato il caso Weinstein, produttore cinematografico accusato da più parti di molestie sessuali, molti sono i personaggi noti finiti al centro delle polemiche per comportamenti più o meno ambigui nei confronti delle donne. Le accuse nei confronti di Weinstein hanno fatto così tanto rumore che da più parti sono nati movimenti per la tutela delle donne. A difesa del sesso maschile si sono schierati altrettanti personaggi noti con una lettera pubblicata alcuni giorni fa su Le Monde il cui punto centrale è la "libertà di importunare, indispensabile alla libertà sessuale". Capofila è Catherine Deneuve.

Ora a commentare i fatti interviene Claudia Gerini che, dalle pagine del Messaggero, afferma convinta. "Lo scandalo Weinstein ha avuto il merito di far scoppiare il bubbone degli abusi e dei ricatti sessuali, ma le giuste proteste femminili rischiano di trasformarsi in una caccia alle streghe che, paradossalmente, indebolisce proprio noi donne". E poi aggiunge: "Proclamare la guerra al maschio significa considerarci incapaci di respingere un'avance sgradita. Invece, anche se la violenza va sempre condannata, abbiamo la forza di dire di no". Per poi concludere: "Noi donne siamo lusingate dalle attenzioni maschili. Se non ci fossero finirebbe il mondo".

Tags

Commenti

Commenta anche tu