Napoli, dieci ragazzi attaccano due coetanei a colpi di catene

Napoli, dieci ragazzi attaccano due coetanei a colpi di catene
14 Gennaio Gen 2018 14 gennaio 2018

Violenza inaudita a Pomigliano d'Arco. La baby gang pesta con le catene due ragazzini per rubargli lo smartphone. Ora a Napoli è allarme

Un'altra vile aggressione. Un'altra baby gang terrorizza Napoli. Dieci ragazzini contro due coetanei. All'indomani del massacro alla fermata della metropolitana a Chiaiano, un gruppetto di violenti ha pestato due minorenni a Pomigliano d'Arco. In dieci li hanno attaccati armati di catene per portargli via lo smartphone. I militari dell'Arma hanno già identificato due degli aggressori, di cui uno non è imputabile, ma resta l'allarme branco.

Mentre ieri sera gli inquirenti cercavano di rintracciare gli aggressori di Gaetano, 15enne di Melito di Napoli minacciato, strattonato e poi picchiato da una quindicina di adolescenti, nella villa comunale di Pomigliano d'Arco venivano presi di mira un 15enne e un 14enne, studenti e incensurati, entrambi della zona. Il fatto è avvenuto nella tarda serata . I due minori sono stati accerchiati da una decina di ragazzini e rapinati. A dare l'allarme alle forze dell'ordine sono state le stesse vittime. Sul posto sono intervenuti i militari dell'Arma di Castello di Cisterna. Poco dopo due componenti del gruppo di aggressori sono stati rintracciati: in manette per rapina è finito un 15enne incensurato del luogo, mentre un 13enne di Somma Vesuviana, non imputabile, è stato soltanto bloccato. Il primo era ancora in possesso di una catena con cui aveva minacciato e picchiato gli adolescenti.

Le vittime di Pomigliano d'Arco, portate in ospedale a nola, sono state medicate e dimesse: entrambe hanno riportato contusioni al volto e all'addome. Al 15enne di Melito di Napoli è andata peggio: Gaetano stato operato e i medici gli hanno dovuto asportare la milza. "È stata una violenza inaudita", ha commentato ieri il questore di Napoli, Antonio De Iesu. La stessa violenza inaudita è andata in scena nela villa comunale di Pomigliano d'Arco.

Tags

Commenti

Commenta anche tu