Elogio di Matera (nonostante i suoi "eventi")

Elogio di Matera (nonostante i suoi eventi)
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
20 Gennaio Gen 2018 20 gennaio 2018

Nel 2019 Matera diventerà Capitale europea della cultura dopo aver superato città come Venezia, Ravenna, Lecce, Urbino. Nessuna, a mio giudizio, lo meritava più di Matera, per quanta dignità e controversa bellezza ha recuperato, dopo essere stata il luogo della irredimibile povertà, nella visione di Carlo Levi. Con i suoi sassi, Matera ha conquistato una unicità come Venezia con la sua laguna. E io subito ho pensato a un gemellaggio, come augurio e destino per una città dimenticata del Meridione, risorta a nuova vita tra le fotografie di Mario Cresci e il film di Mel Gibson. Inizia oggi «l'annus mirabilis». Con il Sud, l'Italia cresce, e il NY Times vota Matera e Palermo nella top 5 delle città da visitare. C'è un però: alla lettura delle proposte, si avverte il rischio del modesto e del provinciale. Amareggia apprendere che Matera sarà articolata in 5 percorsi turistici dalle denominazioni velleitarie: «futuro remoto», «continuità e rotture», «utopie e distopie», «radici e percorsi», «riflessioni e connessioni». Lasciamo perdere. Tra i progetti europei, l'«Osservatorio dell'Antropocene», il «Rinascimento Riletto» (con la R maiuscola), «l'arte italiana raccontata con gli occhi del Mediterraneo» (se ne può capire il contenuto, ma non se ne incrociano gli occhi). Finirà. Sarebbe meglio venire a Matera per Matera e basta, usando i finanziamenti per la sua buona manutenzione e lasciando perdere «eventi», da lasciare a un «futuro remoto».

Commenti

Commenta anche tu