È morto Lattès, l'editore che cavalcò il Sessantotto

È morto Lattès, l'editore che cavalcò il Sessantotto
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
30 Gennaio Gen 2018 30 gennaio 2018

Fondatore della casa editrice che porta il suo cognome e artefice del successo internazionale del primo libro sulla contestazione studentesca del maggio '68

L'editore e scrittore francese Jean-Claude Lattès, fondatore della casa editrice che porta il suo cognome e artefice del successo internazionale del primo libro sulla contestazione studentesca del maggio '68, è morto sabato scorso a 76 anni a Parigi. Nel 1991 lasciò le cariche operative nella Lattès per trasferirsi in Provenza e dedicarsi alla scrittura di romanzi storici. Nel 1968 Jean-Claude Lattès con Jacques Lanzmann fonda Les Editions Spéciales, esordendo quell'anno con Ce n'est qu'un début dello scrittore e cineasta Philippe Labro, dedicato agli avvenimenti del maggio '68 a Parigi; libro tradotto in 13 lingue, in italiano da Giovanni Raboni con il titolo Bilancio di maggio (Mondadori). Nel 1971 Les Editions Spéciales furono ribattezzate Editions Jean-Claude Lattès, riscuotendo nuovamente successo con la pubblicazione dei romanzi della serie di Tarzan.

Tags

Commenti

Commenta anche tu