Il segretario dello staff di Trump si dimette dopo accuse di molestie

Il segretario dello staff di Trump si dimette dopo accuse di molestie
7 Febbraio Feb 2018 07 febbraio 2018

Il segretario del personale della Casa Bianca, Rob Porter, si è dimesso a seguito delle accuse pubbliche rivolte contro di lui da due ex mogli, che lo accusano di violenze domestiche

Il segretario del personale della Casa Bianca, Rob Porter, si è dimesso a seguito delle accuse pubbliche rivolte contro di lui da due ex mogli, che lo accusano di violenze domestiche. "Il presidente e il segretario generale avevano piena fiducia nelle sue capacità", ha detto la portavoce della Casa Bianca, Sarah Sanders, prima di spiegare che "si dimette dalla Casa Bianca" ma resterà per garantire una transizione soft. Nel corso del punto stampa, Sarah Sanders ha letto ai giornalisti un comunicato dello stesso Rob Porter. "Queste accuse scandalose sono semplicemente false. Ho fatto le foto pubblicate sui media circa 15 anni fa e la realtà dietro di loro non è minimamente vicina a quella che viene descritta", afferma Porter.

Le dimissioni giungono dopo la pubblicazione di alcuni articoli su Daily Mail e The Intercept, in cui si riportavano testimonianze di due ex mogli di Porter, Colbie Holderness et Jennifer Willoughby, che denunciavano abusi fisici e psicologici. Due foto mostrano la signora Holderness con un occhio nero, risultato secondo lei di un pugno dell'ex marito. Rob Porter è stato particolarmente coinvolto nei preparativi del discorso del presidente Usa Donald Trump al Forum economico mondiale di Davos, in Svizzera.

Commenti

Commenta anche tu