Paolo VI sarà presto santo: riconosciuto l'ultimo miracolo

Paolo VI sarà presto santo: riconosciuto l'ultimo miracolo
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
7 Febbraio Feb 2018 07 febbraio 2018

La Congregazione per le cause dei Santi approva il carattere miracoloso di una guarigione con cui Paolo VI salvò la vita a un feto nel 2014

Dopo Pio X, Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II, un altro Papa del Novecento sarà presto Santo. Si tratta di Paolo VI, già beato e prossimo, forse, alla canonizzazione.

La Congregazione dei Santi ha approvato all'unanimità la validità di un miracolo attribuito al Pontefice lombardo, sul trono di Pietro dal 1963 al 1978. A quarant'anni dalla morte, vescovi e cardinali hanno riconosciuto il carattere miracoloso della guarigione di una bimba ancora non nata: una donna veronese al quinto mese di gravidanza si è accorta di una patologia che comprometteva la salute del feto e della madre, quando ha chiesto l'intercessione di Papa Montini, scegliendo di non abortire ma di portare avanti la gravidanza.

Proprio il 19 ottobre di quell'anno, infatti, Paolo VI venne beatificato da Papa Francesco in virtù di un altro miracolo su un feto. Nonostante le precarie condizioni di salute e dopo quattro mesi di ricovero in ospedale dopo il parto, la bimba data alla luce dalla coppia di Verona è tutt'ora in buona salute. Proprio grazie al miracolo - inspiegabile scientificamente secondo la commissione medica del Dicastero vaticano - del Papa bresciano, ora riconosciuto ufficialmente dalla Chiesa.

Sulla strada della canonizzazione del grande Pontefice intellettuale che portò a compimento il Concilio, chiamato a Roma dalla prestigiosissima Diocesi di Milano, ora manca solamente il "sì" definitivo di Papa Bergoglio. E' probabile, spiega il sito specializzato Vatican Insider, che l'annuncio della data della canonizzazione verrà comunicato pubblicamente durante il prossimo Concistoro. Si parla di una possibile cerimonia a ottobre, durante il Sinodo dei giovani.

Tags

Commenti

Commenta anche tu