Nel decreto Svuotacarceri c'è la chiave per aprire la cella del pusher africano

Nel decreto Svuotacarceri c'è la chiave per aprire la cella del pusher africano
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
8 Febbraio Feb 2018 08 febbraio 2018

Niente detenzione per condanne sotto i 4 anni. E ora si tenta il dietrofront

Roma - Innocent Oseghale, lo spacciatore accusato di aver smembrato e nascosto il cadavere di Pamela Mastropietro, potrebbe presto uscire dal carcere. «Merito» del decreto Svuotacarceri varato dal ministro della Giustizia, Andrea Orlando, nel 2014 e che prevede l'accesso alle misure alternative alla detenzione per tutti i condannati cui resta da scontare un periodo di carcerazione inferiore ai quattro anni. Una misura che sovente è stata interpretata estensivamente dai giudici disponendo l'affidamento in prova ai servizi sociali non solo ai detenuti, ma anche ai condannati con pene inferiori a quattro anni. Uno dei casi più recenti si è verificato a Milano: a una filippina di 41 anni, condannata a 3 anni e 9 mesi per usura ed estorsione, è stata concessa la sospensione automatica dell'esecuzione della pena con affido in prova ai servizi sociali proprio in ragione dello Svuotacarceri. Che senso ha - il ragionamento della difesa - chiudere il detenuto in cella se appena entratovi può chiedere di uscire? Tesi accolta dal giudice: «Appare illogico un percorso deflattivo della popolazione carceraria unicamente in uscita e non anche in entrata».

La recente riforma Orlando della Giustizia ha tagliato la testa al toro prevedendo in automatico l'applicazione delle misure alternative alle condanne inferiori a quattro anni. Il decreto legislativo di attuazione della riforma è all'esame della commissione Giustizia della Camera proprio in questi giorni.

La possibilità che Oseghale possa nel prossimo futuro evitare il carcere è concreta. A lui finora sono contestati i reati di vilipendio e occultamento di cadavere e resta indagato per omicidio. Come ricordato dal penalista Michele Andreano a Mediaset, «per vilipendio la pena è da un minimo di tre a un massimo di sei anni, per l'occultamento fino a tre anni: se scegliesse un rito abbreviato (sconto di un terzo sulla pena; ndr) cumulando le pene in continuazione di reato, potrebbe ricevere una condanna a tre anni ricadendo sotto i 4 anni», ha spiegato.

Di questo avrà sicuramente parlato con i magistrati inquirenti ieri il ministro Orlando in visita a Macerata. Il pressing dell'opposizione sta diventando incessante. Il leghista Roberto Calderoli non ha stigmatizzato solo il caso di Oseghale, ma anche la decisione della Cassazione di confermare i domiciliari al 36enne friulano che a luglio strangolò la fidanzata. «La giustizia per essere tale deve punire chi commette i reati e punire in modo adeguato chi commette i reati più feroci e aberranti», ha chiosato Calderoli. «Vogliamo sperare che i magistrati formuleranno l'accusa di omicidio in seguito», gli ha fatto eco Giorgia Meloni (Fdi). Non è un caso che la commissione Giustizia della Camera abbia chiesto che nel dlgs si conservi il divieto di accesso alle misure alternative per i condannati per traffico di stupefacenti. Chiaro segnale che nemmeno il Pd vuole restare schiacciato dal caso-Oseghale.

Commenti

Commenta anche tu