Macerata, svolta dall'autopsia su Pamela: "Colpita mentre era viva"

Macerata, svolta dall'autopsia su Pamela: Colpita mentre era viva
9 Febbraio Feb 2018 15 giorni fa

L'esame autoptico su Pamela Mastropietro rivela colpi inferti mentre era ancora viva. Il medico legale: "Arriveremo alla verità"

Si assittiglia la tesi della morte per overdose. L'autopsia realizzata ieri, cinque lunghissime ore tra pezzi di cadavere "sezionati in modo scientifico", sta portando sempre più gli inquirenti verso l'ipotesi di una morte violenta. Pamela Mastropietro, insomma, sarebbe stata uccisa dai due nigeriani, Innocent Oseghale e Lucky Desmond (29 e 23 anni), accusati di omicidio e vilipendio di cadavere. Un colpo alla tempia e altri al torace inferti probabilmente mentre il sangue della giovane scorreva ancora nelle sue vene.

L'autopsia su Pamela Mastropietro

"Ci metteremo un po' di tempo ma riusciremo a chiarire tutto, questo è sicuro, lo dobbiamo innanzitutto a Pamela", ha detto ieri di fronte ai cronisti Mariano Cingolani, medico legale di lungo corso. "Ci stiamo approssimando sempre di più verso la chiarificazione di questa ipotesi, la morte violenta. "Ci sono dati a conforto di questa ipotesi", ha chiarito.

Il colpo alla tempia

Di cosa si tratta? L'autopsia è molto difficile. Il corpo della giovane è stato dissanguato e con ogni probabilità lavato nella candeggina. Ma per il medico legale ci sarebbero segni di "applicazione di violenza sicuramente in condizioni di vitalità". Mentre Pamela era in vita, insomma, "è stata applicata energia" con "un corpo contundente" alla tempia. È stata questa la cusa del decesso? Ancora troppo preso per dirlo, ma di sicuro il colpo è stato - dice Cingolano - "non indifferente". Sul cranio sono state trovate due lesioni riconucibili proprio ad una bottta inferta con un oggetto contundente.

Non solo. A rinforzare l'ipotesi di omicidio sostenuta dal procuratore capo di Macerata Giovanni Giorgio e dal sostituto procuratore Stefania Ciccioli, ci sono anche due ferite all'altezza del fegato. Anche queste, scrive il Corriere, sarebbero state inferte a Pamela mentre era in vita.

L'esame istologico chiarirà l'omicidio di Macerata

La certezza ancora non c'è. Per chiarire definitivamente il quadro bisognerà attendere gli esami istologici. "Può anche essere - spiega il medico legale - che in una fase successiva scopriremo che la morte è arrivata per entrambe le cause, anche quella chimica". Resta però il fatto delle violenze inflitte mentre era viva.

Il cadavere smembrato

Tremenda invece la descrizione che Cingolani fa delle condizioni del cadavere. "Se per assurdo avesse dovuto fare quest'operazione un medico legale, in un laboratorio e con tutti gli strumenti del caso a sua disposizione, ci sarebbero volute almeno otto ore", ha detto riferendosi all'opera di smembrameto del corpo. Considerando che Pamela è stata vista entrare a casa di Innocent intorno alle 11 del 30 gennaio e che le due valige dell'orrore sarebbero arrivate uscite solo alle 22, per gli inquirenti - scrive il Tempo - sarebbe stato impossibile per un solo uomo realizzare tutto da solo. Ecco perché le attenzioni si sono rivolte ai due nigeriani.

Tags

Commenti

Commenta anche tu