Non paga il pedaggio autostradale per anni: condannato a maxi-multa

Non paga il pedaggio autostradale per anni: condannato a maxi-multa
9 Febbraio Feb 2018 14 giorni fa

Un automobilista romano è stato pizzicato dopo a non aver pagato il pedaggio per ben cinque anni: in tutto ha evaso 3300 euro

Avrà pensato di averla fatta franca, per anni. In barba agli altri automobilisti, che giorno dopo giorno pagavano regolarmente il pedaggio. Per questo un automobilista romano, dal 2006 al 2011 ha trovato il modo di non pagare l'autostrada. Ma poi è stato pizzicato e oggi è stato condannato a una maximulta.

Mese dopo mese, aveva escogitato un trucco che pareva perfetto per oltrepassare il casello senza dare un centesimo. Si accodava alle auto di passaggio, a pochi centimetri dalla targa di chi lo precedeva. E così, mettendo oltretutto a rischio la sicurezza, riusciva a infilarsi sotto la sbarra prima che si abbassasse alle spalle dell'auto che aveva appena pagato.

Peccato che l'automobilista di Fiumicino protagonista di questa storia non avesse fatto i conti con le telecamere di sorveglianza che, giorno dopo giorno, continuavano a registrare i movimenti sospetti di quell'auto che, come quelle di tantissimi tantissimi pendolari, quotidianamente imboccava l'autostrada per recarsi al lavoro.

Così, fra il 2006 e il 2011, l'uomo avrebbe evitato di pagare oltre 3300 euro di pedaggio: un gruzzoletto non indifferente che però ora dovrà essere restituito interamente. Oltre al risarcimento, l'automobilista romano dovrà pagare una multa di 500 euro. E in un certo senso può anche ritenersi fortunato: il pm Gianluca Mazzei, nel procedimento avviato nei suoi confronti, aveva richiesto una condanna a otto mesi per insolvenza fraudolenta, commutata poi dalla sentenza in semplice pena pecuniaria.

In Italia nel 2017 sono stati aperti oltre 1200 procedimenti giudiziari contro automobilisti che evitano di pagare il pedaggio. Una pratica che, oltre ad essere illegale, viene scoperta e sanzionata nella stragrande maggioranza dei casi.

Tags

Commenti

Commenta anche tu