«Papalia ancora pericoloso» Si farà nuovo processo

Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
13 Febbraio Feb 2018 13 febbraio 2018

Luca Fazzo

Avrà anche passato in cella venticinque anni consecutivi, ma questo non è motivo sufficiente a ritenere che non sieda ancora ai vertici della 'ndrangheta al Nord. Per Rocco Papalia, l'ormai anziano patriarca della famiglia omonima, i grattacapi con la giustizia sembrano non dover finire mai. Nell'ottobre scorso la Corte d'appello gli aveva tolto la qualifica di «sorvegliato speciale», e per 'ngino Rocco - vecchio soprannome di Papalia - era sembrato il segno del rientro nel mondo dei «normali». Senza più il marchio di sorvegliato poteva andare e venire di giorno e di notte dalla sua casa di Buccinasco, e incontrare finalmente chi gli pareva. Ma la Procura generale aveva fatto ricorso. E ieri la Cassazione ha annullato quella sentenza.

Per la Corte d'appello, non c'era traccia di un rapporto ancora in corso tra Rocco e la mafia calabrese: «Il giustizio di persistenza della pericolosità sociale è ancorato a rapporti di parentela e affinità, in sé non certo sufficienti; e non dimostrata è la presunzione di prosecuzione dei rapporti criminali». Nel suo ricorso, il sostituto procuratore generale Laura Barbaini aveva invece sostenuto che a carico di Papalia non c'erano solo il suo cognome e il suo passato, ma elementi concreti e attuali: quando era in carcere a Nuoro, e secondo gli educatori dava segno di reinserimento, continuava a incontrare suo genero Salvatore Barbaro, «successore di Rocco Papalia nel gruppo mafioso», parlando con lui di lavoro e di affari. E poi manca da Rocco «qualsiasi manifestazione di recesso dal gruppo di appartenenza».

La Cassazione accoglie il ricorso e ordina un nuovo processo. Unica consolazione per Papalia: a sostenere l'accusa contro di lui non sarà più Laura Barbaini, silente e coriaceo magistrato che se ne va in pensione il mese prossimo.

Commenti

Commenta anche tu