Bike sharing, Gobee: "Troppi atti vandalici. Via dall'Europa"

Bike sharing, Gobee: Troppi atti vandalici. Via dall'Europa
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
14 Febbraio Feb 2018 14 febbraio 2018

Il colosso cinese di bike sharing ha deciso di ritirare le due ruote: "Il 60% della nostra flotta ha subito danneggiamenti e vandalismi"

Troppi atti vandalici contro le flotte di biciclette al servizio dei cittadini. Per questo motivo il colosso cinese di bike sharing Gobee Bike, con sede a Hong Kong, ha deciso di ritirare le due ruote dall'Europa.

Dopo la Francia, le bici verdi erano sbarcate in Italia, a Torino, Firenze e Roma. Ma l'inciviltà delle persone ha portato la startup a inviare una mail agli oltre 45mila utenti per annunciare la decisione di abbandonare il progetto. Gli account attivi saranno presto chiusi e ogni evenutale credito verrà rimborsato.

L’Europa è stata una delusione per la società di Hong Kong che nei mesi scorsi ha abbandonato, per le stesse ragioni, anche Bruxelles e le città francesi di Lille e Reims. "Le nostre biciclette sono diventate il bersaglio di sistematici atti di vandalismo, trasformandosi così in oggetti da distruggere per puro divertimento. Mediamente, il 60% della nostra flotta europea ha subito danneggiamenti, vandalismi o è stato oggetto di fenomeni di privatizzazione", hanno fatto sapere da Globee Bike.

Bike sharing

Insieme a Gobee Bike, anche Mobike e Ofo hanno invaso l'Europa. Il modello di bike sharing, che prevede costi bassissimi e la possibilità di poter lasciare la bici in qualunque luogo, ha spopolato nelle grandi città. Ma questo meccanismo comporta anche alcuni rischi. Numerosi infatti sono i casi di furti, sparizioni e danneggiamenti delle due ruote. Episodi che hanno portato Gobee Bike a rinunciare al progetto e a ritirare le frecce verdi dall'Europa.

Tags

Commenti

Commenta anche tu