Buffon: "Calciopoli e scommesse? Due vigliaccate che non meritavo"

Buffon: Calciopoli e scommesse? Due vigliaccate che non meritavo
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
14 Febbraio Feb 2018 14 febbraio 2018

Buffon, ospite di Maurizio Costanzo, ha parlato di Calciopoli, del calcioscommesse e del suo futuro: "Infangato gratuitamente. Ritiro? Io non smetterei mai"

Gianluigi Buffon è sicuramente uno dei portieri più forti della storia del calcio. Il 40enne di Carrara, purtroppo per lui e per la Juventus, ieri sera contro il Tottenham è stato protagonista negativo sulla punizione calciata da Eriksen. In molti l'hanno criticato per la sua scarsa reattività sul tiro del danese ma nulla è compromesso per i bianconeri che ora dovranno vincere o pareggiare con oltre due gol di scarto, a Wembley, per approdare ai quarti di finale. Buffon qualche giorno fa, ai microfoni di Canale 5 durante la trasmissione 'L'Intervista', ha parlato del suo futuro: "Non posso dire delle bugie o creare false aspettative o false illusioni. La verità è che mi devo incontrare con il presidente, col quale abbiamo questo patto tra gentiluomini, prima della fine del campionato. Ci incontreremo, faremo il punto della situazione e prenderemo la scelta definitiva. La verità è che un giocatore non smetterebbe mai di giocare".

Il numero uno della Juventus ha poi parlato della mancata qualificazione al Mondiale: "La mancata qualificazione al Mondiale? Sono stati giorni molto difficili. Diciamo che io volevo chiudere la carriera con il Mondiale, perché penso che potesse essere l'occasione più bella per ricordare e onorare la mia carriera. Sarebbe stata una passerella finale perfetta". Infine, Gigi ha anche toccato due argomenti delicati come Calciopoli e il calcioscommesse: "Calciopoli? Mi ha fatto male. Non tanto, tantissimo. Perché sono stato gratuitamente infangato, non una volta ma ben due volte e su un aspetto che per me è fondamentale, ossia la lealtà sportiva. Su quello proprio non transigo. La cosa che mi ha fatto soffrire di più è il calcioscommesse, senza ombra di dubbio. Sono state due vigliaccate mirate a uno sportivo e a un uomo che non se le meritava assolutamente. Non porto rancore nei confronti di nessuno, però se dovessi rivedere certe persone un pochino mi innervosirei".

Tags

Commenti

Commenta anche tu