Con Karoq nuovo «upgrade» per Skoda

Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
14 Febbraio Feb 2018 14 febbraio 2018

Il crossover boemo si propone per i lunghi viaggi e la città. Vano da record

Piero Evangelisti

Verona Il Gruppo Volkswagen è oggi il più aggressivo nell'offensiva nel mondo di Suv e crossover con tutti i suoi marchi e tra questi c'è ovviamente Skoda che dopo aver lanciato, lo scorso anno, il grande Kodiaq punta adesso sul più compatto Karoq lungo 4,38 metri, largo 1,84 e alto 1,60, misure buone per il traffico cittadino ma anche comode per lunghi viaggi. Il design ricalca i più recenti stilemi della Casa boema, senza deviazioni da una linea che si sta rivelando di successo: in una fascia di mercato dove le auto tendono ad assomigliarsi meglio coltivare la propria identità.

Scontato il fatto che Karoq è costruita sulla piattaforma Mqb del Gruppo Vw, un pianale che influisce in modo determinante su stabilità, assenza di rollio, modularità interna e leggerezza nella costruzione. Non per niente Karoq, con 521 litri (che possono salire fino a 1.630), ha il bagagliaio più capiente della sua categoria. E aprire il portellone è anche molto semplice (ricordate? il motto di Skoda è Simply Clever) attraverso il Virtual pedal. Seduti a bordo si nota ma era già successo con Kodiaq che la qualità dei materiali è cresciuta, e plancia e console sono arricchite di strumenti che fanno apparire l'auto di categoria superiore. Ci sarebbero ancora dettagli su cui intervenire, ma all'interno del Gruppo di Wolfsburg è indispensabile assegnare un ruolo preciso ad ognuno dei brand. Comunque, per la prima volta un modello Skoda è proposto con un quadro strumenti digitale lo stesso della Golf tanto per intenderci programmabile a piacimento. Tra i dispositivi di assistenza alla guida, oltre alla frenata d'emergenza ormai comune a tutte le vetture, si può avere il Cruise control adattivo, il Blind spot e il Rear alert. In aggiunta ci sono anche il Lane assist per il mantenimento della carreggiata e il prezioso Traffic jam assist per la marcia in colonna.

Sembra non mancare proprio nulla rispetto alla dotazione di auto che portano blasoni premium: ancora una volta Skoda si rivela una scelta intelligente. Il lancio di Karoq è appena iniziato e in questa fase i motori disponibili sono due benzina a iniezione diretta del carburante 1.0 Tsi da 115 cv e 1.5 Tsi da 150 cv abbinato al performante cambio a doppia frizione Dsg a 7 rapporti. E altrettanti turbodiesel Tdi: 1.6 da 115 cv e 2.0 da 150 cv per i quali si può optare tra un cambio manuale a 6 marce o un Dsg. Tre livelli di allestimento e prezzi da 26.750 a 34.350 euro.

Commenti

Commenta anche tu