Udine, appartamento diventa rifugio per stranieri e irregolari

Udine, appartamento diventa rifugio per stranieri e irregolari
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
14 Febbraio Feb 2018 14 febbraio 2018

Persone di diverse nazionalità occupavano il locale con numerosi letti allestiti nelle stanze. A organizzare il soggiorno un 35enne tunisino

Sono stati alcuni condomini a lanciare l'allarme, disturbati dai rumori che provenivano da quell'appartmento. Quando le forze dell'ordine hanno fatto irruzione in una casa di viale Ungheria, nel centro di Udine, si sono ritrovate in un covo di stranieri. Persone di diverse nazionalità, molte anche irregolari, occupavano l'abitazione con numerosi posti letto allestiti in tutte le stanze.

A organizzare il soggiorno degli stranieri, come riporta il Messaggero Veneto, un tunisino 35enne, affittuario dell'appartmento. L'uomo a sua volta subafittava i posti letto a diversi connazionali, oltre che a marocchini ed egiziani. Il tunisino incassava da tutti gli occupanti quote che variavano di mese in mese e a seconda del numero delle presenze nell'appartemento.

Una rete di affitti e subaffitti che aveva trasformato l'appartmento in un rifugio anche per le persone che non potrebbero rimanere sul territorio nazionale. In molti infatti erano già stati colpiti dall'ordine del questore di Udine che ha nuovamente disposto l'allontanamento di tali soggetti. Al vaglio degli inquirenti la posizione del tunisino affittuario e di tutte le persone che occupavano l'immobile.

Tags

Commenti

Commenta anche tu