Cracco: "Di cattivo gusto il mio funerale a Masterchef. Per audience vendono la madre"

Cracco: Di cattivo gusto il mio funerale a Masterchef. Per audience vendono la madre
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
15 Febbraio Feb 2018 15 febbraio 2018

Intervistato dal settimanale Spy, Carlo Cracco ha parlato della sua vita lontano da Masterchef: "Il mio obiettivo è quello di diffondere la cultura del cibo"

Nonostante Carlo Cracco abbia lasciato Masterchef, per lui quel programma rimane un'esperienza magica e particolare, anche se ha qualcosa da ridire riguardo la prima puntata di quest'anno.

"Guardo ancora Masterchef, Bruno Barbieri, Joe Bastianich e Antonino Cannavacciuolo sono i miei fratelli, i miei figli - spiega Cracco al settimanale Spy -. Non potrei mai parlare male di loro". E dopo queste prime parole di stima e di rispetto nei confronti dei suoi colleghi, Carlo Cracco ha voluto togliersi qualche sassolino dalle scarpe.

"Nella prima puntata - rivela Carlo Cracco -hanno inscenato il mio funerale, non ne sapevo nulla. Ero a casa, stavamo cenando e non guardavo la tv. A un certo punto hanno cominciato a chiamarmi al telefono... Volevano sapere se ero morto davvero. L’ho trovato un po’ kitsch, di cattivo gusto. Anche perché non si è mai fatta una cosa del genere in televisione. Al Festival di Sanremo non ho mai visto fare il funerale al conduttore precedente. Però è anche vero che la televisione per fare audience è disposta a tutto: a vendere la mamma, la nonna, la suocera, la nuora e a vendere la pelle dell’orso ancora prima di averla cacciata. E quindi anche a fare il funerale a Cracco".

Insomma, lo sketch del funerale non è proprio piaciuto a Cracco e questa intervista a Spy è stata l'occasione buona per dirlo. E dopo questa confessione, Carlo cambia argomento per concentrarsi sui suoi progetti lontano dalla tv. Il noto chef, infatti, sta per aprire un ristorante a Milano in Galleria.

"Il mio obbiettivo - sottolinea lo chef stellato - è sempre quello di diffondere la cultura del cibo. Ora sono impegnato verso una nuova frontiera, quella del mangiare bene per stare bene. Adesso va di moda il deliveroo (consegne a domicilio, ndr). Vedo tantissimi ragazzi in giro per le città in bicicletta a consegnare cibo nelle case lavorando in certe condizioni e sottopagati... però la gente è convinta che sia una figata. Ma perché farsi portare una pizza che da quando esce dal forno a quando arriva a casa è fredda e non è più buona? Quel servizio non è cultura del cibo, è un concetto sbagliato che abbassa la qualità. È la classica via di mezzo... piuttosto esci e vai al ristorante, oppure stai a casa e te lo prepari tu".

Tags

Commenti

Commenta anche tu