Donne, sorrisi e lettere d’amore. Ecco "Specie meno note di sirene"

Donne, sorrisi e lettere d’amore. Ecco Specie meno note di sirene
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
15 Febbraio Feb 2018 15 febbraio 2018

Stralci di diari, fatti di cronaca, persino poesie. L’ultimo libro di Simonetta Caminiti è un’antologia che esplora mondi sorprendenti e ricchi di tenerezza. Che non devono andare perduti

«Ninfodora arrossisce» è il primo racconto dell’antologia. Ha una storia dietro la storia: «Era il 2008 – racconta l’autrice, Simonetta Caminiti – e la canzone Le mie parole di Alessandro Pacifico risuonava nelle mie lunghe passeggiate, tra i pollini e le foglie gialle dei marciapiedi di Roma». Il verso della canzone «Un viso sordo e muto che l’amore ha illuminato», in particolare, ha ispirato questa novella d’altri tempi, che sembra una fiaba, ma in effetti non punta a un pubblico infantile. E poi, «Il sarcofago», racconto scritto con prosa quasi lirica ispirato a un terribile fatto di cronaca del 1990. E pagine di diario, testi che potrebbero prestarsi al teatro, perfino svariate poesie. Ancora, lettere: specialmente lettere d’amore, ma, qualche volta, rivolte ai destinatari più insospettabili. È il caso de «La maschera di Alcyone», il brano forse più sorprendente e commovente del volume.
«Specie meno note di sirene» (di Simonetta Caminiti per PubMe, appena uscito in commercio) è tutto questo e di più. Un titolo ispirato a una vecchia vignetta: la parodia di quattro sirenette: «Dissacrante – dice Caminiti –, amara e spassosa allo stesso tempo, come piace a me». Dopo un romanzo tradotto in inglese e prossimo all’edizione francese («Gli arpeggi delle mammole»), e un libro presentato alla Mostra di Venezia lo scorso settembre («Senti chi parla – le 101 frasi più famose del cinema, e chi le ha dette veramente», scritto con Massimo M. Veronese e Maurizio Pittiglio) Simonetta Caminiti, 34 anni, giornalista e scrittrice, collaboratrice de «Il Giornale», consegna al pubblico un volume di miscellanee che chiude in grande stile: con traduzioni personali delle liriche di Emily Dickinson: «Mia premura fondamentale è stata conservare la melodia dei versi in inglese – commenta Caminiti – , senza scuotere in alcun modo quei significati così attuali, pungenti e delicatissimi. L’opera di una delle più grandi poetesse mai esistite».
Il volume è distribuito da tutti gli store nazionali e internazionali online, e inoltre disponibile presso qualunque libreria italiana su ordinazione

Commenti

Commenta anche tu