Quattro giorni nel segno del cioccolato

Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
15 Febbraio Feb 2018 15 febbraio 2018

L'evento parigino sbarca MiCo. Degustazioni, showcooking e perfino sfilate

Camilla Rocca

Sostenere che la terza edizione del Salon du Chocolat sarà ricca è lapalissiano, che sia più ricca delle precedenti edizioni sembra promettere questi eccessi che ogni goloso ricerca. Gli adepti di Willi Wonka sono serviti: da oggi fino a domenica il paradiso del cioccolato si materializza al MiCo Portello Milano (gate 3). L'edizione milanese è la tappa italiana della più importante manifestazione sul cioccolato che nasce 23 anni fa a Parigi e che replica a Londra, Beirut, Mosca, Tokyo e Seul: il meglio delle eccellenze italiane e internazionali è servito, proprio durante il Carnevale Ambrosiano.

La serata clou è proprio quella di oggi con l'esclusiva sfilata di abiti realizzati in cioccolato dai più grandi pasticceri italiani: Andrea Besuschio, Luigi Biasetto, Davide Comaschi, Gino Fabbri sono solo alcuni dei mâitre chocolatiers che presenteranno una collezione dedicata alla Belle Époque. La Choco Fashion del Salon si è affidata al Teatro della Moda, la scuola di moda milanese specializzata nell'alta sartoria artigianale italiana per realizzare una «stoffa» di cioccolato bianco e nero con decorazioni in caffè, panna, cannella, caramello, nocciola, sale rosa dell'Himalaya, ribes, liquirizia, frutti, peperoncino e qualche dettaglio del packaging stesso che avvolge normalmente i dolci. Oltre 8000 metri quadrati, decine di stand, tre palcoscenici e un fitto programma di show cooking, un'area dedicata al pairing chocolate&spirits e un laboratorio «Bean to Bar» per raccontare il processo della filiera del cioccolato dalla fava al consumatore, dalla pianta esotica a uno dei prodotti dolciari più amati. Tra gli shoow cooking venerdì 16 febbraio sul palco Simone Salvini, lo chef vegano più famoso della rete; Antonio Daloisio, vincitore del format Il più Grande Pasticcere; Davide Comaschi, campione del mondo di cioccolateria al Wold Chocolate Masters di Parigi; Paolo Griffa, alfiere italiano del Bocuse d'Or 2017 e un incontro che svela «La pasticceria mediatica»: tra cinema, tv e social network a cura di Anna Prandoni, editore incaricato Italian Gourmet. Durante la manifestazione si potranno degustare centinaia di tipi di tavolette, ganache, mignon, torte, creme, bonbons, praline, tartufi e qualsiasi alimento che contenga cioccolato nelle forme più inusuali: salato, speziato, cremoso, con frutta secca e candita.

Inoltre per l'occasione molti dei maîtres chocolatiers prepareranno linee di prodotti da consumare solo durante il Salon.

Commenti

Commenta anche tu