Spagna, insulti al re nelle canzoni: rapper condannato al carcere

Spagna, insulti al re nelle canzoni: rapper condannato al carcere
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
21 Febbraio Feb 2018 21 febbraio 2018

I giudici del Tribunal Supremo in Spagna hanno confermato la sentenza emessa in primo grado riconoscendo "la gravità delle espressioni" utilizzate

Tre anni e mezzo di carcere per una canzone. Il Tribunal Supremo ha confermato la condanna inflitta ad un rapper per i reati di esaltazione del terrorismo, gravi offese alla corona e gravi minacce a politici.

"Gravità delle espressioni"

Miquel Arenas, noto come Valtònyc, era stato condannato in primo grado dall'Audiencia Nacionale. Ha presentato ricorso contro la sentenza appellandosi alla libertà d'espressione e evidenziando che "il linguaggio del rap è estremo, provocatorio, allegorico e simbolico". Tutto inutile. I giudici del Tribunal Supremo hanno confermato la sentenza emessa in primo grado riconoscendo "la gravità delle espressioni" utilizzate.

I brani pubblicati dall'artista online comprendono messaggi di appoggio all'Eta e ad alcuni membri specifici dell'organizzazione, insulti alla monarchia e in particolare a Re Felipe VI -con riferimenti alla sua impiccagione-, minacce assortite contro personaggi politici delle Baleari. I legali del rapper hanno preannunciato un nuovo ricorso contro la sentenza considerata "un'autentica aberrazione".

Tags

Commenti

Commenta anche tu