Macerata, minacce al sindaco: "I tuoi figli faranno la fine di Pamela"

Macerata, minacce al sindaco: I tuoi figli faranno la fine di Pamela
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
22 Febbraio Feb 2018 22 febbraio 2018

Una telefonata anonima raggelante a una scuola di Macerata: "Se il sindaco non la smette i suoi figli finiranno come Pamela"

Un altro episodio criminale contribuisce ad aumentare la tensione a Macerata: il sindaco Romano Carancini è stato minacciato da una telefonata anonima in cui gli si promette che "se non la smette i suoi figli faranno la fine di Pamela".

Pochi secondi di conversazione, risalenti ad alcune settimane fa ma resi noti solo ora dal Corriere adriatico, fra gli ignoti autori delle minacce e un istituto scolastico della città marchigiana. Pochi secondi che farebbero gelare il sangue di chiunque. Molto probabilmente gli autori della telefonata erano convinti di chiamare la scuola dove effettivamente sono iscritti i figli del primo cittadino ed hanno sbagliato istituto.

L'obiettivo, tuttavia, era chiarissimo: terrorizzare il sindaco Carancini, rappresentante di una comunità sotto choc per il barbaro assassinio della 18enne Pamela Mastropietro, ammazzata lo scorso 30 gennaio e poi fatta a pezzi nell'ambito di un delitto legato alla droga i cui contorni sono ancora tutti da chiarire.

Sulle minacce al primo cittadino è stata aperta un'indagine seguita dalla Digos e dal procuratore capo di Macerata Giovanni Giorgio. L'autore della telefonata minatoria sarebbe già stato rintracciato dalle forze dell'ordine ma la sua autorità non è ancora stata rivelata.

Commenti

Commenta anche tu