Scarpe: come prendersene cura e farle durare di più

Scarpe: come prendersene cura e farle durare di più
23 Febbraio Feb 2018 23 febbraio 2018

Sneaker, décolleté, stiletto e stivali in pelle o scamosciati: ecco i metodi e i trucchi più efficaci per allungare la vita alle proprie scarpe preferite

Per la maggior parte delle donne le scarpe rappresentano uno dei principali oggetti del desiderio: se però acquistarle è relativamente semplice soprattutto quando si fa shopping con le amiche, non si può dire altrettanto sui metodi per conservarle, che sono spesso confusi e piuttosto sommari. Ecco allora alcuni semplici consigli per allungare la vita alle proprie calzature fino alla prossima stagione.

Se le scarpe preferite sono in camoscio come del resto vuole la moda autunno-inverno, il vapore può essere un ottimo rimedio per rinnovare il rivestimento esterno e al contempo rimuovere la sporcizia accumulata in superficie. Il segreto è posizionare le calzature in bagno nel momento in cui ci si concede una doccia rilassante ad alte temperature, il vapore farà il resto facendo diventare le scamosciate come nuove.

In molti casi capita che i sandali a punta aperta si lascino andare a furia di utilizzarli e la suola di cuoio, ormai logora, si consumi assottigliandosi sempre di più. Prima di disfarsene definitivamente, sarebbe meglio rivolgersi a un calzolaio per chiedere di alzare la suola ed evitare così che la punta tocchi per terra. Se c’è ancora speranza, a fine trattamento, bisognerebbe passarli con l’apposito lucido per scarpe servendosi di una vecchia t-shirt in cotone.

In caso di pioggia, se gli stivali di pelle sono zuppi d’acqua, si dovrebbe asciugare immediatamente le gocce e per tutta la notte metterli a contatto con della carta di giornale che assorbe i residui umidicci ancora persistenti. Se invece ormai il danno è stato fatto e le macchie si sono asciugate lasciando sulla superficie dello stivale quelle antiestetiche macchie che tutti conoscono, è consigliabile utilizzare uno straccio umido imbevuto con dell’aceto di vino.

Alle donne che per piacere o per lavoro indossano le scarpe a stiletto può capitare che il tacco si consumi. In questi casi il calzolaio è d’obbligo ma per il futuro sarebbe meglio prevenire utilizzando protezioni trasparenti a cappuccio che proteggano i tacchi dai graffi, dal contatto con le superficie erbose o fangose e in generale dall’usura.

Se l’armadio è a prevalenza di sneaker e scarpe sportive, si può contrastare il cattivo odore utilizzando calze di cotone e deodorando la fodera intera alla sera o prima di una seduta di palestra ad esempio. Nei casi più complicati, il rimedio fai da te consiste nel riempire una calza con del bicarbonato di sodio e riporla all’interno delle scarpe maleodoranti per tutta la notte. Un altro suggerimento è eseguire una pulizia periodica in lavatrice, ricordandosi di riporle all’interno di una federa e di selezionare il lavaggio delicato. Infine, è necessario azionare un ventilatore e lasciarle asciugare avvolte nella carta di giornale.

Tags

Commenti

Commenta anche tu