Il ministro francese della Cultura: "La Gioconda può lasciare il Louvre"

Il ministro francese della Cultura: La Gioconda può lasciare il Louvre
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
1 Marzo Mar 2018 01 marzo 2018

Per il governo di Emmanuel Macron il più famoso dipinto di Leonaro Da Vinci può essere trasferito in altri luoghi: c'è il sogno di tornare in Italia?

La Gioconda potrebbe tornare in Italia? E' presto per dirlo ma quello che è sicuro è che il più celebre capolavoro pittorico di Leonardo Da Vinci potrebbe lasciare il museo del Louvre.

Ad annunciarlo il ministro francese della Cultura Françoise Nyssen che parlando oggi con il canale Europe1 ha spiegato di stare "studiando molto seriamente" la possibilità che la Monna Lisa lasci il famoso museo parigino nel quadro di un "grande tour itinerante", annunciando che ne parlerà molto presto con il direttore del polo museale.

"Non vedo perché bisogna confinare questi capolavori - ha spiegato - se facciamo attenzione alla loro conservazione e a ciò che rappresenta. Perché l'offerta culturale dev'essere confinata a certi luoghi e non invece accessibili a tutti?". Uno dei candidati più caldi ad ospitare la Gioconda è la città di Lens, nella regione del Pas-de-Calais, dove nel 2012 è stata aperta una succursale del Louvre.

Difficile dire se il dipinto rinascimentale possa arrivare in Italia (da cui manca dal 1913, quando l'operaio italiano Vincenzo Peruggia la rubò per motivi patriottici). Tuttavia c'è un precedente interessante per il nostro Paese: quello dell'arazzo di Bayeux, capolavoro dei monaci artigiani normanni del XI secolo, che l'Eliseo ha deciso di prestare all'Inghilterra in concomitanza dei lavori del polo museale che lo ospita.

I folli e i romantici possono dunque sognare il più clamoroso dei ritorni in Patria.

Tags

Commenti

Commenta anche tu