C'è l'accordo per gli esuberi della Perugina

C'è l'accordo per gli esuberi della Perugina
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
11 Marzo Mar 2018 11 marzo 2018

Firmato l'accordo per i 364 addetti della Perugina che erano stati dichiarati in esubero dal gruppo Nestlé lo scorso maggio. In base all'intesa raggiunta tra il gruppo svizzero e i sindacati di categoria, si ricorrerà a garanzie sui ricollocamenti e contratti part-time. Tra gli addetti già usciti dalla fabbrica dolciaria e quelli che hanno dato la disponibilità ai sei mesi di lavoro part-time proposti, sommate ai prepensionamenti e ai ricollocamenti esterni sulle aziende del territorio, Nestlé ipotizza di arrivare alla copertura totale degli esuberi, senza bisogno quindi di prolungare la cassa integrazione.

In particolare, per i lavoratori ricollocati in aziende esterne a Perugina, Nestlé si impegna a fare da «garante», riassumendo come stagionali chi i dovesse subire un licenziamento nei primi 14 mesi. Resta ora aperto i tavolo al ministero dello Sviluppo economico

Commenti

Commenta anche tu