Il docufilm di JR e Agnès generazioni "on the road"

Il docufilm di JR e Agnès  generazioni on the road
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
13 Marzo Mar 2018 13 marzo 2018

Che cosa ci fa un furgone in giro per la campagna francese con a bordo il re degli street artist, il fotografo JR, e la regista belga Agnès Varda, star della Nouvelle Vague e primo Oscar femminile alla carriera? Storia di un inedito e commovente sodalizio, quello che ha germinato il film Visages, Villages presentato in anteprima alla Fondazione Prada e che giovedì debutterà nelle sale di Milano. Curiosi l'uno dell'altro, i due artisti sono i veri protagonisti di un poetico ducofilm in cui fotografano e raccontano storie e biografie di un'umanità anonima ma che rimanda a identità e memorie collettive. Trentaquattro anni lui, 88 lei, la coppia raccoglie anime di una Francia lontana anni luce dalla grandeur parigina, facendo rivivere e pulsare i genius loci dimenticati. Villaggi e volti, appunto, da replicare attraverso le gigantografie con cui l'artista franco-tunisino è abituato a tappezzare i muri urbani. Storie di vita vera o, se si preferisce, di public art. Come quando, on-the-road sul camioncino trasformato in gigantesca macchina reflex, la strana coppia approda a casa dell'ultima abitante di un villaggio di minatori. La quale, intervistata assieme agli altri discendenti di una comunità sofferta, rimetterà a nudo storie e immagini rimosse con cui invece JR tappezzerà, ingigantite, le anonime baracche in progetto di demolizione. «Da qui non me andrò mai - grida l'anziana donna - ho troppi ricordi». Sarà proprio lei il visage protagonista di una serie commovente di ritratti pubblici. Il documentario è in realtà uno straordinario film che documenta la ricerca creativa di due generazioni a confronto, ma anche di Visages, una realtà finalmente più reale che virtuale. L'anteprima di Visages, Villages non poteva trovare miglior collocazione nella sala proiezioni della Fondazione Prada, preziosa realtà privata a cui va il merito di una rinascita culturale, artistica e socio-urbana della città di Milano.

Commenti

Commenta anche tu