Per spiazzare Renzi i dirigenti tentati dal governo di scopo

Per spiazzare Renzi i dirigenti tentati dal governo di scopo
13 Marzo Mar 2018 13 marzo 2018

La minoranza teme il potere di veto del leader e apre agli appelli di Mattarella

Opposizione, opposizione: formalmente dalla direzione Pd orfana di Matteo Renzi esce - per il momento - la linea dettata dal medesimo Renzi. Che ieri mattina l'aveva ribadita al Corriere della Sera: «Non esiste governo guidato dai Cinque Stelle che possa avere il via libera del Pd». Spiegando che «abbiamo detto che non avremmo mai fatto un governo con gli estremisti». Quanto a governi di centrodestra, la risposta dell'ex segretario è analoga: «No».

Ma nello stesso documento approvato ieri sera, praticamente all'unanimità, in direzione, si affaccia tra le righe un'apertura ad altre soluzioni: il Pd, sta scritto, «riconosce l'esito negativo del voto, garantisce pieno rispetto delle scelte espresse dai cittadini e, al presidente della Repubblica, garantisce il proprio apporto nell'interesse generale». È un formula sufficientemente ambigua da consentire di ribadire, alla riga successiva, che i Dem «si impegneranno dall'opposizione, come forza di minoranza parlamentare, riconoscendo che ora spetta a chi ha avuto maggior consenso l'onore e l'onere di governare il paese». Ma è un segnale, neppure troppo in codice, inviato al Quirinale per far capire che se si arriverà ad una soluzione di tipo «istituzionale», che tenga dentro tutte le forze politiche, per uscire dall'impasse e dare un governo al paese, il Pd non si tirerà indietro. È una prima risposta ai reiterati appelli alla «responsabilità» del Quirinale, il segnale che il Pd non sarà per sempre e ad oltranza asserragliato nella trincea dei no pronunciati da Renzi. Una soluzione soft cui hanno lavorato le diplomazie interne, da Gentiloni a Franceschini allo stesso Orlando, e che potrebbe iniziare a delinearsi dopo l'elezione dei presidenti delle Camere, che in forza del ruolo istituzionale sarebbero forse i più adatti a diventare le figure destinate ad «esplorare» eventuali opzioni di esecutivi trasversali.

Resta il no secco a governi politici, che siano a guida Cinque Stelle o leghista. Anche per quella che un esponente renziano chiama «semplice matematica». Lo stesso Renzi fa notare, nell'intervista, che l'ipotesi di un governo Di Maio con l'appoggio esterno del Pd è complicata perché «i numeri non ci sono o sarebbero risicatissimi». Servirebbero i gruppi Pd al completo, senza defezioni, per tenere in vita una simile creatura politica. Ma molti eletti, tra chi fa capo a Renzi, dicono già esplicitamente che non voterebbero quel governo «neanche se il presidente Mattarella in persona me lo chiedesse». È questa matematica che dà forza al no renziano: l'ex segretario non ha più i numeri per governare il partito, ma può contare su una forza di interdizione che può rendere difficile spostare il Pd su altre linee. Anche per questo le sue esternazioni di ieri, proprio alla vigilia della direzione cui ha deciso di non partecipare, hanno innervosito lo stato maggiore Pd che tenta di rimettere insieme i cocci dopo la batosta elettorale. Se ne è fatto portavoce Orlando, capo della minoranza interna: «Non possiamo fare a meno di Renzi. Ma non possiamo neppure permettere che qualcuno si allontani e spari da fuori su tutti». In quel «tutti» Orlando include lo stesso Gentiloni: non è sfuggito il passaggio al veleno in cui l'ex segretario rimproverava «alcuni nostri candidati che non hanno neanche proposto il voto sul simbolo Pd, ma solo sulla loro persona», e che molti hanno letto come un riferimento alla lettera agli elettori del premier. Il timore è che Renzi piloti le sue truppe, nelle prossime settimane, come un partito nel partito. L'apertura a Mattarella serve anche ad anticipare le sue mosse.

Commenti

Commenta anche tu