Vertice di centrodestra: via libera a Salvini a trattare sulle presidenze delle Camere

Vertice di centrodestra: via libera a Salvini a trattare sulle presidenze delle Camere
13 Marzo Mar 2018 13 marzo 2018

In serata il vertice a Palazzo Grazioli. Mandato a Salvini per trattare con Pd e M5S sulle presidenze delle Camere

Toccherà a Matteo Salvini condurre il dialogo con le altre forze politiche, in particolare il Partito democratico e il Movimento 5 Stelle, in vista dell'elezione dei presidenti delle Camere. La notizia è stata presa durante il vertice del centrodestra che si è tenuto questa sera a Roma. Secondo fonti leghiste, sentite dall'agenzia Agi, Silvio Berlusconi e Giorgia Meloni avrebbero, infatti, concordato nell'assegnare il mandato al segretario leghista.

L'incontro di questa sera si è tenuto a Palazzo Grazioli, la residenza capitolina del Cavaliere. Una cena di un paio d'ore che sono trascorse "in un clima cordiale e positivo". Sul tavolo le prossime mosse del centrodestra nella trattativa che porterà alla scelta dei presidenti di Camera e Senato. Berlusconi, Salvini e la Meloni avrebbero convenuto di incontrarsi nuovamente al termine del "giro di consultazioni" con gli altri partiti che il leader del Carroccio dovrebbe condurre nei prossimi giorni (comunque entro la fine della prossima settimana). Prima, quindi, dell'inizio delle votazioni per l'elezione dei presidenti delle Camere che è stato fissato il 23-24 marzo.

Secondo quanto apprende l'Agi, non sarebbe stata ancora presa alcuna decisione definitiva e unanime sulla delegazione che andrà alle consultazioni al Quirinale. Nei giorni scorsi Salvini aveva annunciato che il centrodestra si sarebbe presentato dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, con un'unica delegazione. In realtà, potrebbe ancora esserci la possibilità che si presentino le delegazioni dei singoli partiti. Per quanto riguarda la formazione del governo, fonti leghiste hanno fatto sapere all'Agi che Berlusconi avrebbe garantito a Salvini di non avere intenzione di fare accordi con il Partito democratico.

Tags

Commenti

Commenta anche tu