I gemelli diversi nel cosmo Così lo spazio cambia il Dna

I gemelli diversi nel cosmo Così lo spazio cambia il Dna
14 Marzo Mar 2018 14 marzo 2018

La scoperta in un programma degli scienziati della Nasa sui profili dei due astronauti Scott e Mark Kelly

Secondo Elon Musk dobbiamo andare su Marte per sopravvivere a noi stessi e per riuscire a creare uno spazio alternativo in cui vivere. Ma mentre ci pensiamo e cerchiamo di capire se una guerra mondiale è all'orizzonte, la Tesla Roadster di Musk, lanciata dal Falcon Heavy, il più grande razzo esistente, viaggia verso Marte. Einstein diceva che, per via della relatività, il tempo è relativo e il suo scorrere dipende dal sistema di riferimento in cui lo si misura. I risultati dell'esperimento Twins della Nasa, lo studio dei gemelli che mira a verificare gli effetti di una permanenza duratura nello spazio confrontando due persone con lo stesso patrimonio genetico, sono stati presentati dall'agenzia spaziale in un convegno in Texas, a Galveston. E anche se il gemello spaziale non ha viaggiato alla velocità della luce, i risultati sono interessanti.

Viene in mente il libro di Ken Follett, Il terzo gemello, dove la scienziata Jeannie Ferrami era incaricata di condurre uno studio sui gemelli per conto di una prestigiosa università di Baltimora. Qui, però, non si tratta solo di studiare le differenze comportamentali e caratteriali. Qui si misurano le differenze causate dalla permanenza spaziale sul corpo umano. Scott Kelly, ha trascorso un anno vivendo sulla Stazione Spaziale Internazionale; il suo gemello, Mark, è rimasto sulla Terra come soggetto di controllo. In realtà, il programma di ricerca umana della Nasa si sta occupando da tempo degli effetti del volo spaziale sul corpo umano. Ma lo studio sui gemelli, articolato in quattro categorie di ricerca (fisiologia umana, salute comportamentale, microbiologia e studi molecolari) e suddiviso in 10 distinte analisi affidate a 10 distinti professionisti, sono riuscite a fornirci una visione più ampia degli effetti e dei cambiamenti che possono verificarsi durante la permanenza nello spazio. «Possiamo studiare due individui che hanno la stessa genetica, ma sono in ambienti diversi per un anno» aveva detto Craig Kundrot, scienziato della Nasa.

E tutto si inscrive nell'ottica di un ipotetico e futuro viaggio verso Marte. Infatti, lo studio sui gemelli apre la strada allo studio della genomica nei viaggi spaziali e sarà di grande aiuto per la conquista del pianeta rosso. Dopo essere tornato sulla Terra, Scott ha iniziato il processo di riadattamento alla gravità della Terra. La maggior parte dei cambiamenti biologici che ha sperimentato nello spazio è tornata rapidamente al suo status pre volo. Un'indagine incentrata sui telomeri è stata condotta da Susan Bailey della Colorado State University: i telomeri di Scott (chiusure di cromosomi che si accorciano con l'invecchiamento) sono diventati significativamente più lunghi nello spazio per poi tornare alla normalità dopo qualche tempo dal ritorno sulla Terra.

Alcune modifiche sono tornate alla linea di base entro poche ore o giorni dall'atterraggio, mentre alcune sono rimaste invariate dopo sei mesi. La differenza è andata via, via normalizzandosi. Però, resta un gap: il 93% dei geni di Scott è tornato alle condizioni precedenti al soggiorno. Manca all'appello un 7%, che riguarda gli effetti di lungo periodo nei geni relativi al suo sistema immunitario, alla riparazione del Dna, alle reti di formazione ossea, all'ipossia e all'ipercapnia.

Dovremo aspettare la fine del 2018 per avere un report completo: adesso sappiamo che il tempo passato nello spazio ha cambiato Scott Kelly, ma solo il tempo potrà dirci quanto.

Commenti

Commenta anche tu