La tentazione di Carroccio e M5s: spartirsi i presidenti delle Camere

La tentazione di Carroccio e M5s: spartirsi i presidenti delle Camere
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
14 Marzo Mar 2018 14 marzo 2018

Le ipotesi: Toninelli o Calderoli al Senato e Giorgetti o Fraccaro per Montecitorio

Roma - Vincolo di coalizione cercasi. È il vertice della ripartenza post-elettorale, quello che va in scena a palazzo Grazioli tra i tre leader, il luogo del chiarimento e del tentativo di definire una linea comune a tutto il centrodestra. Obiettivo difficile da raggiungere visto che Matteo Salvini appare poco sensibile al richiamo della responsabilità e dell'unità nazionale. Richiamo che in termini pratici significa o un accordo politico con i «perdenti», ovvero con quel Pd che il segretario della Lega continua a mettere nel mirino in ogni occasione utile

Le distanze non appaiono facilmente colmabili. E così tra le file parlamentari inizia già a comparire lo spettro del ritorno alle urne a fine ottobre. Un paradosso visto che ancora neppure c'è stata la prima convocazione delle Camere e l'avvio ufficiale della legislatura previsto per il 23 marzo.

È chiaro che il primo test resta la partita delle presidenze delle Camere. Per Forza Italia è una partita che deve essere legata ad uno schema di governo, anche per questo non è stata esclusa neppure la possibilità di lasciare ai dem la presidenza di uno dei due rami del Parlamento, in funzione di un possibile sostegno esterno. Ma al momento Salvini è categorico: «Chi ha perso le elezioni è l'ultimo che può rivendicare qualcosa. Non posso allearmi con chi ha male governato negli ultimi anni». E ancora: se ci sarà un premier di centrodestra «quello sarò io» ma «se per andare al governo devo portare chi è stato bocciato al voto, allora no».

In questo clima difficile immaginare soluzioni diverse da una spartizione Lega-M5s. I pentastellati spingono per avere lo scranno più alto di Palazzo Madama, con Danilo Toninelli in pole-position seguito da Vito Crimi. Salvini, invece, vedrebbe volentieri Giancarlo Giorgetti alla guida della Camera. Opzione alternativa è quella che vede la presidenza del Senato al Carroccio con Roberto Calderoli (con Giulia Bongiorno come possibile outsider) e Riccardo Fraccaro per M5s alla Camera.

Naturalmente Forza Italia spinge per rompere questo duopolio istituzionale e rivendica la Camera Alta con Paolo Romani. Difficile, però, che Salvini non avendo la certezze di poter essere indicato premier rinunci a questa casella. E così nel corpo del partito azzurro si registra qualche malumore. «Salvini e Di Maio spingeranno per nuove elezioni per intestarsi un nuovo bipolarismo. Trascurano che in mezzo a loro c'è un suolo edificabile più ampio del loro», commenta Gianfranco Rotondi. E c'è anche chi fa notare che tra Camera e Senato le distanze sono ridotte: 161 gli azzurri, 180 i leghisti. È chiaro che adesso il partito attende un segnale. Per questo Berlusconi oggi vedrà le truppe parlamentari e avrà un summit a pranzo con i dirigenti azzurri per tracciare la rotta. Un modo anche per rassicurare il territorio e rintuzzare le preoccupazioni per la campagna acquisti leghista, in vista delle prossima tornata di Amministrative.

Commenti

Commenta anche tu