Tetto del 3%, Moscovici stoppa Salvini e Di Maio: "È una regola di buon senso"

Tetto del 3%, Moscovici stoppa Salvini e Di Maio: È una regola di buon senso
14 Marzo Mar 2018 14 marzo 2018

Di Maio e Salvini pronti a rivedere il tetto sul rapporto deficit/Pil. Ma Moscovici li frena: "Il debito pubblico è un fardello, va ridotto subito"

La parola d'ordine, si sa, è stabilità. Eppure di fronte alla situazione politica italiana, che rischia di arenarsi in un impasse incapace di portare alla formazione del nuovo governo, Pierre Moscovici non intravede alcun motivo di allarme. "I mercati sono sereni e noi nell'Unione europea siamo sereni - spiega ai giornalisti a margine della sessione plenaria dell'Europarlamento - abbiamo fiducia nella democrazia italiana, nel popolo italiano e nell'impegno dell'Italia nell'Ue". Su un punto, però, il commissario europeo agli Affari economici sembra non voler cedere di un solo millimetro: il tetto del 3% sul rapporto deficit/Pil. Tetto che ieri sia Matteo Salvini sia Luigi Di Maio hanno detto di essere pronti a sforare o, quantomeno, a rivedere qualora se ne rivelasse necessario.

Il braccio di ferro è sul tetto del 3% di deficit previsto dal Patto di Stabilità e Crescita. Dalla Lega e dal Movimento 5 Stelle sono arrivati messaggi chiari. Conversano con i giornalisti stranieri, Di Maio ha detto che, una volta al governo, intende "cambiare alcune cose che non funzionano". A partire dalle questioni economiche che "mettono paletti" al sistema Italia. "Ormai tutti concordano che vada rivisitato o superato il tetto del 3% - ha spiegato - ora vediamo come. Se andassimo al governo sarei contento di discutere a quei tavoli su come rivedere i parametri sugli investimenti: noi abbiamo a cuore l'idea di ridurre il debito pubblico ma con misure espansive". Il tema è stato affrontato in modo analogo anche da Salvini. "Se possiamo rispettarlo bene - ha detto ieri durante la conferenza stampa a Strasburgo nella sede del Parlamento europeo - se dovremo ignorarlo per fare il bene della nostra gente, lo faremo senza preoccupazioni".

Le posizioni di Salvini e Di Maio non sono affatte piaciute a Bruxelles. Tanto che Moscovici è intervenuto per difendere il tetto del 3%, "una regola comune e di buon senso che permette semplicemente di assicurare che il debito pubblico si riduca". "Il debito pubblico è un fardello che pesa sulle nostre economie e che quando diventa troppo pesante pesa sulle finanze pubbliche e impedisce di finanziare i servizi pubblici utili", ha spiegato Moscovici conversando con i giornalisti a margine della plenaria dell'Europarlamento. "Ogni euro che è consacrato al servizio del debito - ha, poi, concluso - è un euro in meno per l'educazione, per la giustizia, per la sicurezza, per i servizi pubblici".

Tags

Commenti

Commenta anche tu