"Venite a rubare in Italia, poi facciamo la bella vita in Albania"

Venite a rubare in Italia, poi facciamo la bella vita in Albania
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
14 Marzo Mar 2018 14 marzo 2018

"Qui, se ti prendono, ti fai 24 ore in cella e torni libero". Così il capo di una banda di ladri provenienti dall'Albania convinceva i suoi uomini a venire in Italia per delinquere

"Qui, se ti prendono, ti fai 24 ore in cella e torni libero". Così il capo di una banda di ladri, provenienti dall'Albania, convinceva i suoi uomini a venire in Italia per delinquere.

I carabinieri di Cassano d'Adda, in provincia di Milano, hanno, invece, arrestato i cinque albanesi componenti della banda con l'accusa di "associazione per delinquere finalizzata alla commissione di reati contro il patrimonio e di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio". Si tratta di ragazzi tra i 20 e i 26 anni, che sono ritenuti responsabili di 14 furti in abitazione, 15 nei distributori di benzina e 2 rapine in appartamenti. Secondo le ricostruzioni dei carabinieri, i cinque sarebbero arrivati nel milanese e avrebbero commesso il primo colpo il 12 gennaio in un distributore di benzina a Cernusco sul Naviglio.

Da lì in poi, scrive Milanotoday, avrebbero a segno anche due blitz al giorno tra Milano, Lodi, Brescia, Bergamo e Monza. Il capo, 26enne, si occupava di portare gli uomini dall'Albania in Italia e di organizzare i colpi, poi vi era un autista di 24 anni e uno scassinatore giovanissimo e abilissimo a forzare le colonnine delle stazioni di benzina e le porte d'ingresso degli appartamenti. In un solo mese hanno portato a termine 31 colpi e sono riusciti a rubare più di 200mila euro in contanti, oltre alle refurtive trafugate negli appartamenti visitati. Ogni settimana spedivano i soldi in Albania ma due di loro, un uomo e una donna ancora latitanti, li avevano anche portati personalmente in Patria. Proprio in quei giorni il capo aveva fatto arrivare altri due albanesi, già pronti a entrare in azione e, non sapendo di essere intercettato dalla polizia, si vantava con "l'autista" e lo "scassinatore" di "avere la fila di persone che vogliono venire".

I malviventi si svegliavano tardi, facevano colazione in un bar di Pioltello e, poi, nel pomeriggio rubavano dalle case e la notte dai benzinai. Si fermavano solo nel fine settimana ma stavano ben attenti a non spendere troppo perché il loro sobiettivo era tornare a casa con i soldi. Il sostituto procuratore David Monti ha spiegato: "Sono venuti dall'Albania, dovevano stare pochi mesi per razziare il territorio e tornare Il loro obiettivo ultimo, la loro ambizione, era fare la bella vita in Albania con i soldi rubati in Italia" perché tanto in Italia "ti fai 24 ore in cella ed esci". I ladri, al momento, si trovano tutti nel carcere di San Vittore.

Tags

Commenti

Commenta anche tu