«La caffeina non cancella gli effetti prodotti dall'alcol»

Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
15 Marzo Mar 2018 15 marzo 2018

Attenzione anche all'abuso di bibite energetiche: eliminano la sonnolenza ma i riflessi restano comunque lenti

«Il caffè è un piacere a cui non è necessario rinunciare ma va bevuto con moderazione. Non fa male, ci sono evidenze che può addirittura fare bene, ma è anche importante ricordare che questo vale per le persone sane: chi soffre di alcune patologie faccia sempre riferimento al medico». Lo raccomanda Alessandra Tavani, fra i 23 scienziati chiamati dalla Iarc, l'Agenzia Internazionale per la ricerca sul cancro, a revisionare la letteratura scientifica degli ultimi anni sul rapporto fra caffè e salute.

Il consiglio vale per chi ha problemi cardiovascolari o di ipertensione, visto che tradizionalmente la caffeina è stata associata a fattori di rischio, in particolare l'aumento della pressione. «Gli studi - spiega Tavani, già alla guida del Laboratorio di epidemiologia delle malattie croniche all'Istituto Mario Negri di Milano - escludono un aumento di rischio con un consumo moderato per le persone sane. Due ricerche su post infartuati indicano anche che non c'è associazione rispetto a nuovi eventi cardiovascolari. Quanto alla pressione, si è visto che non ci sono effetti a lungo termine ma transitori: l'aumento di pressione si osserva nell'ora successiva alla somministrazione, e per 2-3 millimetri di mercurio».

Non ci sono casi in cui il caffè va limitato o evitato? «L'unica componente nota del caffè che può avere qualche effetto sfavorevole sulla salute è la caffeina. In generale, devono limitarne il consumo tutti i soggetti con metabolismo rallentato. Meglio non bevano caffè i bambini, le donne in gravidanza, in particolare nell'ultimo trimestre e durante l'allattamento. La caffeina infatti passa molto facilmente la barriera placentare e può ridurre fino al 30% l'assorbimento del ferro. Anche chi soffre di cirrosi è meglio ne riduca autonomamente il consumo, magari passando al decaffeinato: lo fa automaticamente chi fa fatica a dormire con due caffè al giorno o accusa reazioni come sudore o aritmia».

Ultimi avvertimenti: «Attenzione alle bevande energetiche. Una lattina può contenere anche l'equivalente di tre tazzine di caffè. E la caffeina non serve per eliminare gli effetti di qualche bicchiere di troppo, perchè non è una antagonista dell'alcol: elimina solo alcune sensazioni come la sonnolenza, ma l'attenzione non aumenta e i riflessi restano lenti. In alcune circostanze quindi, ad esempio se si guida l'auto, può aumentare il pericolo, perchè con i riflessi lenti ma senza avvertire il torpore si può essere ancora più imprudenti».

Commenti

Commenta anche tu