Despacito scompare da YouTube: attacco hacker

Despacito scompare da YouTube: attacco hacker
10 Aprile Apr 2018 16 giorni fa

Insieme ad altri video molto popolari, Despacito scompare da YouTube in seguito a un attacco hacker: ecco cos'è successo

A pochi giorni dall'aver infranto il record assoluto di ben 5 miliardi di visualizzazioni su YouTube, il video di Despacito è scomparso provvisoriamente dalla piattaforma di proprietà Google insieme ad altri video molto popolari. La causa? Un attacco condotto da due hacker, Prosox e Kuroi'sh.

E così il video del tormentone dell'estate 2017, cantato da Luis Fonsi feat. Daddy Yankee, è stato sostituito dalla foto di una scena de "La casa di carta", la nota serie TV originale Netflix, e dalla frase "Free Palestine": tentando di premere il pulsante play, il video non era disponibile.

L'attacco hacker ha colpito anche oltre una dozzina di altri artisti popolari, tra cui Shakira, Taylor Swift, Drake e Selena Gomez. Tutti i video in questione erano stati pubblicati sui canali Vevo degli artisti; molte delle clip sono state ripristinate, tra cui quella di Despacito, presentando nuovamente i contenuti originali e il conteggio esatto delle visualizzazioni.

Su Twitter, uno dei due hacker ha spiegato di aver attaccato YouTube per semplice e puro divertimento utilizzando solo uno script, che non è noto se funzioni su tutti i contenuti ospitati su Vevo. È improbabile che la coppia responsabile della violazione sia riuscita a ottenere l'accesso agli account degli artisti: le opzioni più probabili restano dunque quelle di aver trovato un modo per aggirare la necessità di disporre di un token di autorizzazione od ottenuto le autorizzazioni in qualche altro modo, utilizzando quello script accennato da Prosox:

@YouTube Its just for fun i just use script "youtube-change-title-video" and i write "hacked" don t judge me i love youtube <3

— Prosox (@ProsoxW3b) 10 aprile 2018

YouTube e il servizio di hosting di video musicali Vevo sono stati contattati per un commento, ma non hanno ancora fornito una risposta a quanto accaduto.

Tags

Commenti

Commenta anche tu