Miart cresce e arriva anche Gagosian

Miart cresce e arriva anche Gagosian
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
11 Aprile Apr 2018 11 aprile 2018

La fiera d'arte milanese diventa sempre più internazionale

Avrà avuto ottimi argomenti Alessandro Rabottini, al suo secondo Miart da direttore, per convincere Larry Gagosian a partecipare a una fiera italiana. Senza togliere nulla alle altre gallerie, tutte di qualità, la notizia è che la più potente multinazionale dell'arte mondiale con sede anche a Roma - ha accettato di esserci, segno che il nostro mercato sta superando la condizione marginale che nell'ultimo decennio ha rappresentato il suo primo ostacolo. Non sentiamo a credere che la prima ragione è certamente Milano, il suo entusiasmo contagioso, la forza trainante, l'ottimismo di una città concreta che marcia a ben altra velocità rispetto al Paese. Fino ad alcuni anni fa Miart era il tipico esempio di prodotto «né carne né pesce»; prima Vincenzo De Bellis, poi Rabottini hanno lavorato con coraggio, ottica internazionale e stile italiano. Oggi la rassegna di Milano City si guadagna il primo posto in Italia. Affogata Bologna nella mediocrità del secondo mercato, troppo di nicchia Torino, a Miart si ritrova un'ampia fascia di collezionismo, senza ricadere nello snobismo o, peggio, nel tutti dentro solo per fare cassa.

I numeri parlano chiaro: 184 gallerie, di cui 75 straniere, provenienti da 19 nazioni. Il contemporaneo la fa da padrone ma il moderno non è affatto trascurato. Le tendenze più alla moda s'incrociano con i grandi nomi e con alcuni importanti recuperi storici. Diversi stand optano per la soluzione «mostra personale»: il californiano Matt Mullican da Mai 36, un artista di culto ancora poco valorizzato da noi, Carsten Hoeller da Massimo De Carlo, la rivelazione David Medalla, filippino approdato al successo a oltre 70 anni e valorizzato da Astuni. Tra gli italiani da tenere d'occhio l'architetto radicale Gianni Pettena da Bonelli, lo scultore Mauro Staccioli, da poco scomparso, da Il Ponte, Salvo, il cui mercato è in ascesa, rappresentato da Claudio Poleschi.

Se lo spazio ai cosiddetti emergenti ha sempre un che di azzardo, molto interessanti i confronti generazionali tra artisti di epoche diverse (ad esempio Alberto Burri da Mazzoleni vs. Sterling Ruby da Gagosian) dove si esalta la necessaria impronta curatoriale della fiera. Oppure, a proposito di riscoperte, APalazzo presenta l'opera, misconosciuta, del cineasta sperimentale Jonas Mekas e Gian Enzo Sperone studia il polimaterismo di Enrico Prampolini, transitato dal Secondo Futurismo ai primordi dell'informale. Tra i progetti speciali, Alessandro Papetti espone un'installazione pittorica allo stand di Intesa SanPaolo.

In più, c'è Art Week: le mostre sono tante e toccherà scegliere. Consigliamo il nativo americano Jimmie Durham alla Fondazione Pini, la messicana Teresa Margolles al PAC, i cinesi ai Frigoriferi Milanesi. Impensabile non partecipare alla kermesse che può oggi competere con le migliori fiere internazionali.

Commenti

Commenta anche tu