Sposa a novant'anni in una casa per anziani

Sposa a novant'anni in una casa per anziani
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
15 Aprile Apr 2018 15 aprile 2018

Umberto e Maria celebrano il matrimonio a novant'anni, in una casa per anziani

È sempre mancato il tempo, l'amore mai. Umberto e Maria Maggi si sono conosciuti cinquant'anni fa a una festa al muretto di Alassio, la città di Miss Muretto, davanti all'opera firmata anche Ernest Hemingway. Fu colpo di fulmine. Cose belle e brutte una mirìade, fino a quando, novant'anni lei e ottantacinque lui, si sono infine uniti in matrimonio religioso in una Casa famiglia per anziani di Bussero.

Maria abita dal maggio scorso nella struttura della Fondazione Mantovani a causa di una malattia e, proprio qui e proprio ora, lei e Umberto (nella foto) hanno fatto ciò che avevano deciso da tanto, da quando avevano conosciuto padre Davide Maria Turoldo, il sacerdote poeta dei Servi di Maria. Erano già una coppia solida, sposati dal 1971 civilmente «per mancanza di tempo», ma avvertivano che qualcosa mancava. «La conoscenza di padre Turoldo è servita ad accrescere in me e in mia moglie la consapevolezza che solo l'atto canonico avrebbe avuto il potere di trasmetterci autentica felicità» racconta Umberto, ex primario del San Matteo di Pavia. Dal dire al fare è passato qualche altro decennio. Tra convegni, impegni in sala operatoria e documenti scaduti, i rinvii sono stati quattro. Ieri le nozze, con figli, famiglia e don Luciano a celebrare. Lei in sorriso e rosso sgargiante, come ai tempi del Muretto.

Commenti

Commenta anche tu