Piedi giganti e "vedovelle" moderne nasce il museo d'arte all'aperto

Piedi giganti e vedovelle moderne nasce il museo d'arte all'aperto
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
16 Aprile Apr 2018 16 aprile 2018

Inaugurate le prime sei sculture, diventeranno almeno venti

Una mano gigante che spunta dal terreno e un piede che sembra appartenere all'incredibile Hulk, ma in mattoni rossi, posato sul terreno. Due colonne «umane che si tengono a braccetto. Le «vedovelle» - le tipiche fontanelle verdi con il logo del Comune - con sculture di bronzo al posto delle tradizionali bocchette. Sono alcune delle sei sculture che da ieri compongono il parco «ArtLine», il progetto d'arte diffusa voluto dal Comune sotto i grattacieli di Citylife. La prima parte della collezione è stata inaugurata ieri dall'assessore alla Cultura Filippo Del Corno, nell'ultimo giorno del MiArt e dell'Art Week milanese, il programma collaterale al salone in fiera. «É un progetto che abbiamo fortemente voluto insieme a Citylife - conferma l'assessore - per regalare a Milano un museo d'arte contemporanea a cielo aperto fruibile 24 ore su 24. Seguiranno altre installazioni permanenti».

Le prime sculture sono state realizzate da Riccardo Benassi, Judith Hopf, Ornaghi & Prestinari, Matteo Rubbi, Pascale Marthine Tayou e Serena Vestrucci. Il progetto «ArtLine», coordinato da Roberto Pinto, si compone di oltre venti opere, otto artisti sono stati selezionati attraverso un concorso per artisti sotto i quarant'anni.

Commenti

Commenta anche tu