Savona, statua censurata per non offendere i musulmani

Savona, statua censurata per non offendere i musulmani
16 Aprile Apr 2018 16 aprile 2018

Nel Savonese un drappo rosso sul nudo di Epaminonda durante il convegno interreligioso. I musulmani: "Non l'abbiamo chiesto noi"

La statua è troppo nuda, offende i musulmani. Proprio come nel gennaio 2016 - quando i Musei capitolini velarono i nudi per non indignare il presidente iraniano Rohani in visita in Italia -, una statua di Epaminonda è stata coperta con un drappo rosso e un quadro raffigurante una donna nuda di spalle intenta a lavarsi è stato spostato per non irritare le assocazioni musulmane.

A denunciarlo è Mario Capelli Steccolini il pittore e scultore autore delle opere in mostra a Cairo Montenotte, nel Savonese. "Alla faccia di chi ha detto che era una mia trovata pubblicitaria; hanno coperto Epaminonda!", ha scritto sulla sua pagina Facebook. E poi ha aggiunto: "Sia chiaro, Epaminonda è stato coperto dai musulmani per esigenze loro cerimoniali. Il quadro l'ho tolto io a loro richiesta. L'Amministrazione non ha colpe".

A Palazzo di città dove le opere erano esposte, infatti, era previsto nelle scorse ore un convegno interreligioso con la Confederazione islamica italiana e la Federazione islamica della Liguria. Che smentiscono però qualsiasi richiesta di censurare i nudi: "Il quadro non l’avevamo nemmeno visto, ed è stato l’artista che si è fatto avanti per toglierlo", dice a La Stampa il presidente della federazione Lahcen Chamseddine, "Abbiamo poi posato il drappo sulla statua, visto che la mostra sarebbe stata aperta il giorno dopo, semplicemente perché lì avevamo ricostruito la rappresentazione dell’antica cerimonia del tè e ci serviva uno sfondo a simboleggiare le dune del deserto per le fotografie. Noi rappresentiamo l’Islam moderato, non siamo integralisti. Non chiediamo di togliere i crocefissi o di coprire statue, e difatti c’erano molte altre statue di quel tipo e nessuna è stata coperta. Chi vuole fare polemica non ha capito il nostro messaggio".

Inevitabile però la polemica politica: "Solo a me questa sembra una follia?", scrive Matteo Salvini. "Considerando la motivazione accampata dagli organizzatori e cioè che la scultura sarebbe stata incompatibile con 'l'ambientazione marocchina' dell'evento, non si capisce come possa esserlo il 'prodotto finale', ossia una statua con un velo rosso addosso", accusa la deputata di Fratelli d'Italia Ylenja Lucaselli, "Il sospetto è che sia emerso ancora una volta l'effetto collaterale del multiculturalismo fallimentare. Ciò deve chiamare tutti noi ad una presa di coscienza sulla necessità di tutelare le nostre espressioni artistiche, la nostra storia e la memoria da qualsiasi tentativo oscurantista".

Tags

Commenti

Commenta anche tu