Una superiorità svanita fra gli errori

Una superiorità svanita fra gli errori
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
16 Aprile Apr 2018 16 aprile 2018

Dal lato tecnico, sarebbe un gran premio da ripetere, tanto è stato falsato. Dove sono finiti gli eccellenti strateghi della Ferrari di Melbourne e del Bahrain? Com'è stato possibile che una macchina come quella di Vettel abbia saputo infliggere un vantaggio dello 0,58% del tempo sul giro alla British-Mercedes e dello 0,76% alla Rbr in qualifica, per poi perdere clamorosamente in gara? Com'è plausibile che lo stesso Vettel prevalga su Bottas fra 2 e 3 nel primo terzo di gara, per poi inabissarsi? Ma signori, era una classica strategia improvvisata, per tornare in «Soft», con l'aiuto della Safety-car, da sfruttare opportunamente, per un doppio anziché unico cambio-gomme, come riuscito in passato e come seguito dal vincitore. La stessa Ferrari ha dimostrato ripetutamente una eccellente resa chilometrica con tali mescole; e la sua prestazionalità sarebbe stata irresistibile.

Non si parli di azzardo, con una calura che non è arrivata: lo stesso Raikkonen, in «Soft» è durato per 27 giri. Poi, il secondo rammarico, con questa strana Formula 1 odierna, è che non si possono più compiere dei «forcing» con i motori: si corre a ritmi inferiori ai massimi possibili, nel terrore di danneggiare la meccanica, che deve servire per sette gran premi! Pazzesco! Questa non è più Formula 1, se si pensa che in passato sono stati raggiunti i cento motori per squadra all'anno. Sì, cento motori a tre! Per meno di 21 prove! E poi si lamentano che le corse non sono più interessanti. Comunque, la Ferrari d'un tempo, con due macchine vantaggiosamente in prima fila, sarebbe stata imbattibile.

Tags

Commenti

Commenta anche tu