Cinquanta arresti cardiaci in 6 giorni, salvata da un'operazione da record

Cinquanta arresti cardiaci in 6 giorni, salvata da un'operazione da record
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
17 Aprile Apr 2018 17 aprile 2018

Katia ha avuto 50 arresti cardiaci nel giro di 6 giorni, a Milano i chirurghi la salvano con un intervento unico nel suo genere in Italia e nel mondo

Una donna di trentun anni, sposata e con una bambina di soli tre mesi, ha dovuto affrontare cinquanta arresti cardiaci nel giro di soli sei giorni.

La ragazza, Katia, si trovava a Napoli per una vacanza con suo marito durante la settimana di Pasqua, quando si è sentita male per la prima volta. Il 31 marzo le cellule del suo cuore sono impazzite e ha avuto il primo dei numersosi arresti cardiaci. Il marito ha chiamato un'ambulanza, che è intervenuta immediatamente, rianimando la donna con le scariche di elettricità e l'ha trasportata all'ospedale del Mare di Napoli per accertamenti.

Nessuno avrebbe mai immaginato quello che è successo dopo: cinquanta arresti cardiaci si susseguono uno dopo l'altro. I medici di Napoli scrivono al dottor Carlo Pappone, del Policlinico San Donato di Milano, per chiedergli un consulto e lui decide di far trasferire la donna a Milano, per un intervento d'urgenza. Il marito della donna, Fabio, acconsente al trasporto, consapevole che in caso contrario la donna sarebbe certamente morta. La regione Campania mette a disposizione un aereo militare che consente un trasferimento rapido. A bordo del velivolo sale anche un'équipe di rianimatori che, con l'aiuto del defibrillatore, devono rianimare la donna più volte, a causa degli arresti cardiaci che si verificano anche durante il volo. Katia arriva poi a Linate, dove ad aspettarla trova già gli anestesisti. In ambulanza, nel tragitto verso il San Donato, la donna ha altri otto arresti cardiaci, cui i medici fanno fronte con la defibrillazione.

In ospedale, il 5 aprile, Pappone compie il miracolo, effettuando un intervento unico in Italia e nel mondo. Il chirurgo ha spiegato, secondo quanto riportato dal Corriere, che "la grave aritmia di Katia è una fibrillazione ventricolare provocata da alcune cellule impazzite nel sistema elettrico del cuore". Per la buona riuscita dell'operazione, i chirurghi hanno dovuto raggiungere il punto esatto e intervenire, ma il tutto era reso più difficile dalla continua fibrillazione, che concedeva ai medici un breve lasso di tempo per poter agire tra una fibrillazione e l'altra.

"Nel mondo, questo intervento è già stato eseguito, ma il bersaglio era fisso e la fibrillazione era avvenuta in precedenza, nei giorni o nei mesi precedenti, consentendo dunque una precisa localizzazione del problema", spiega Pappone.

Ora Katia è uscita dal coma, non ha avuto conseguenze neurologiche e presto potrà riabbracciare la sua bimba di tre mesi.

Tags

Commenti

Commenta anche tu