L'arbitro Mattarella dà il rigore: alla Casellati il primo tiro

L'arbitro Mattarella dà il rigore: alla Casellati il primo tiro
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
17 Aprile Apr 2018 17 aprile 2018

Forse già domani l'incarico esplorativo alla seconda carica: così il capo dello Stato spera di superare lo stallo

Per bere, sì che hanno bevuto e anche bene visto la qualità dei prodotti del Vinitaly. Ma niente brindisi e soprattutto niente accordo tra Salvini e Di Maio: nessun passo avanti, nessuna apertura. Nemmeno dai canali riservati sono arrivati al Colle segnali concreti da Lega e M5s. E così sta per scattare l'ora della negoziatrice. Oggi è in programma l'informativa di Gentiloni sulla Siria a Camera e Senato e forse già domani, salvo sorprese o cambi di strategia, il capo dello Stato passerà all'azione. Lo farà, pare, scegliendo l'opzione B, un mandato esplorativo a Elisabetta Casellati.

Il presidente del Senato al momento ha più possibilità del suo collega della Camera: un incarico a Roberto Fico potrebbe infatti essere visto come un tentativo di destabilizzare il gruppo dirigente grillino. Da incaricata, la Casellati non avrà il compito di cercare una maggioranza per se stessa, ma solo quello di mediare per conto di Sergio Mattarella. Organizzerà delle sue consultazioni, sonderà gli umori, proverà a smussare, verificherà l'esistenza di spiragli poi, nel giro di pochi giorni, tornerà al Quirinale a fare il punto della situazione. Così facendo si allungherà un po' il brodo e forse matureranno le «condizioni politiche» che al momento non ci sono. Sicuramente si scapolerebbe la tappa delle elezioni in Molise, che Matteo Salvini considera cruciali: «Se vinceremo le Regionali, dopo faremo il governo in quindici giorni».

Si vedrà. La mossa del capo dello Stato però non serve soltanto a guadagnare qualche settimana. Anzi, Mattarella è convinto che il tempo stia per scadere. L'incarico esplorativo, spiegano dal Colle, non è un escamotage barocco, ma al contrario va letto come una forma di garbata pressione sui partiti, come un tentativo di «forzare il blocco» di veti e condizioni che finora hanno bloccato sul nascere ogni intesa tra i due vincitori del 4 marzo. Il Paese - come ha detto il presidente durante le consultazioni - non può aspettare all'infinito, ha tante «urgenze» e ha bisogno subito di un governo «nella pienezza dei suoi poteri»: Def, vertice europeo di fine giugno, crisi siriana. Se le forze che hanno prevalso non riusciranno a chiudere in fretta, si dovrà cambiare copione e tornerà in ballo il governo di emergenza.

Mattarella ha ovviamente a disposizione pure l'opzione A, un preincarico politico a uno dei due leader vincitori. In questo caso la scelta dovrebbe cadere sul segretario della Lega, in quanto candidato dalla coalizione più numerosa, quella di centrodestra. Ma il rischio di bruciarlo è ancora altissimo e il capo dello Stato non vuole che si ripeta un caso Bersani, nel 2013 mandato a sbattere contro un muro di gomma.

Cominciano così, con poche certezze, le ultime ore di riflessione. Ieri Mattarella è volato a Forlì per il trentennale della morte di Roberto Ruffilli, senatore dc ucciso dalle Br. Una tappa significativa sui luoghi dell'uomo che fu il braccio destro di De Mita, con molti richiami espliciti allo stallo di oggi. C'è infatti un richiamo ai partiti perché «la politica la fanno anche i cittadini», e un invito a rispettare le esigenze e le attese del Paese, facendo propria l'eredità di Ruffilli. E cioè, dice, bisogna sempre seguire la lezione sul «senso di comunità che lega tutti i cittadini della nostra Repubblica», ricercando punti di convergenza e di alleanza senza mai restare arroccati. E è proprio questo, conclude, che «rappresenta in dinamismo di una democrazia».

Commenti

Commenta anche tu