Nino Formicola trionfa all'Isola: "Non sono morto con Zuzzurro"

Nino Formicola trionfa all'Isola: Non sono morto con Zuzzurro
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
17 Aprile Apr 2018 17 aprile 2018

Dopo la vittoria all'Isola dei Famosi, Nino Formicola si racconta e di fatto fa un bilancio di questa esperienza che per lui ha un significato particolare

Dopo la vittoria all'Isola dei Famosi, Nino Formicola si racconta e di fatto fa un bilancio di questa esperienza che per lui ha un significato particolare. Infatti al Corriere "Gaspare" racconta tutte le sue emozioni, il ritorno a casa e quella cena alle 4 del mattino: "Sono arrivato a casa alle quattro di notte e poi mi sono fatto da mangiare... avevo una fame. Alle otto sono andato in strada per fare una ricarica al telefono, appunto, e lì c’è stata un’ondata dalla gente che davvero non mi aspettavo".

Poi il pensiero va all'amico, a Zuzzurro che non c'è più: "Ho partecipato all’Isola con l’intento di far vedere alle persone che, anche senza Zuzzurro, Gaspare era ancora vivo. Ho continuato a lavorare a teatro in questi anni ma, diciamoci la verità, il teatro non se lo fila nessuno. Per questo ho accettato di partecipare". Poi parla della compagna Alessandra e di qualche rinuncia che ha dovuto fare durante la sua permanenza in Honduras: "Ho avuto nostalgia della quotidianità con la mia compagna Alessandra. Ho capito che finora non avevo apprezzato nel giusto modo le cose normali che facevamo. E poi mi sono mancati moltissimo i libri: non leggere per tre mesi mi è pesato molto più che smettere di fumare". Poi torna aznora su Zuzzurro: "Sono convinto che, dove sia sia, ma Andrea in questi giorni sta ridendo come un pazzo. Ci avevano proposto di fare l’Isola dieci anni fa e abbiamo rifiutato, ora sarebbe divertitissimo. Tutto mi ha aiutato ad uscire dal buco nero in cui ero caduto".

Tags

Correlati

Commenti

Commenta anche tu