Nozze Meghan Markle: vietate le tende, i sudditi protestano

Nozze Meghan Markle: vietate le tende, i sudditi protestano
17 Aprile Apr 2018 17 aprile 2018

Il prossimo 19 maggio ci sarà il matrimonio tra Meghan Markle e il principe Harry, ma arrivano brutte notizie per gli appassionati: la polizia ha vietato l'installazione di tende per far riparare i sudditi

Le prossime nozze reali tra Meghan Markle e il principe Harry si terranno il prossimo 19 maggio a Windsor, ma già arrivano notizie non proprio confortanti per i sudditi e per tutti coloro che vorranno seguire l'evento più atteso del calendario reale.

Da quanto si apprende, la polizia locale ha vietato l'installazione delle tende lungo le vie della città, una soluzione che avrebbero permesso alle migliaia di persone provenienti dal Regno Unito, e dal resto del mondo, di assistere all'evento. Ciò significa che il pubblico che intende recarsi già nei giorni precedenti la data del matrimonio, dovrà dormire all'aria aperta, con il rischio di finire colpito dall'immancabile e classica pioggia britannica. Tutto questo disagio per i sudditi è in nome della sicurezza, il cui costo complessivo stimato intorno ai 10/20 milioni di sterline.

Tra le misure di sicurezza previste, ci saranno migliaia di poliziotti, cecchini sui tetti, poliziotti sotto copertura mescolati tra la gente e inoltre saranno intensificati i controlli alla ricerca di esplosivi. Saranno installati anche scanner completi per il corpo nel centro di Windsor, che dovranno essere attraversati da tutti e, inoltre, ci sarà l'impiego della tecnologia per il riconoscimento automatico delle targhe. Sarà coinvolta anche la polizia del Surrey e la Met - la Metropolitan Police - così come l'esercito. Inoltre, un'ulteriore minaccia può provenire dall'eventuale presenza di stalker. Secondo alcune stime fatte dalla polizia, ne sono stati individuati 160.

Con le nozze il principe Harry dovrebbe ottenere dalla regina il titolo di duca di Sussex e così Meghan Markle diventerebbe la prima duchessa di Sussex.

Tags

Commenti

Commenta anche tu