Venezia cafona, Brugnaro: "Chi condivide i filmati paghi danni d'immagine"

Venezia cafona, Brugnaro: Chi condivide i filmati paghi danni d'immagine
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
17 Aprile Apr 2018 17 aprile 2018

Il sindaco di Venezia ora attacca chi pubblica e condivide i video dei turisti cafoni a Venezia: "Bisogna agire contro chi diffonde le immagini, foto e video, di questi cialtroni"

Il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro non è un tipo che le manda a dire. Tutt'altro. Il primo cittadino se la prende con chi compie gesti folli e con chi li riprende per poi pubblicarli online: "I cafoni ci sono sempre stati. E questi sono cafoni col telefonino".

La mossa di Brugnaro

Non vuole parlare dei "tuffatori di Rialto"- un gruppetto di ragazzi che alle due di notte si è tuffata dal notp ponte venezia - che tanto hanno fatto parlare nei giorni scorsi. Ma spiega: "Basta dare spazio a questi personaggi, altrimenti continueremo ad assistere alla “gara” tra chi fa queste cose per la sola gioia di pubblicare il video su siti web e social network".

Come riporta Il Gazzettino, Brugnaro ripete l'aggettivo squallido. E ricordo che Venezia dovrebbe essere rinomata per essere la capitale dell'arte, la Città dell'arte ma grazie a questi filmati che circolano in rete passa per essere conosciuta nel mondo come una sorta di Disneyland dove tutti possono fare ciò che gli pare.

"Ecco - prosegue il sindaco - dovremmo tutti riflettere sull’effetto di questi filmati. Da parte nostra verificheremo se ci sono gli estremi per far causa a queste persone che si tuffano in Canal Grande, o da qualsiasi altro ponte, per 'danno d’immagine' alla città. Ma non basta. No, qui bisogna anche agire contro chi diffonde le immagini, foto e video, di questi cialtroni, e cioé siti web e social network".

Commenti

Commenta anche tu