Jaguar E-Type Zero, un classico in versione ecologica

Jaguar E-Type Zero, un classico in versione ecologica
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
19 Aprile Apr 2018 19 aprile 2018

Ha segnato la storia delle quattro ruote e torna a mezzo secolo di distanza con una versione 100% elettrica: ecco la Jaguar E-Type Zero

Enzo Ferrari la definì "l'auto più bella del mondo", Diabolik la scelse per le sue scorribande criminali: la Jaguar E-Type sta per tornare in una versione 100% elettrica che mantiene inalterato il fascino del modello originale lanciato nei primi anni '60 e rimasto in produzione fino al 1975, mettendo però sotto al cofano un motore da 220 kW a zero emissioni. Una roadster bella ed ecologica, attenta all'ambiente, che rende omaggio allo stile del passato guardando al futuro della mobilità.

Carrozzeria azzurra con finitura metallizzata, fari LED a basso consumo di energia e strumentazione riprodotta in modo fedele. L'assetto e la distribuzione dei pesi - 1.200 Kg in totale, 46 Kg in meno del primo modello - sono stati studiati in modo da bilanciare l'alloggiamento del propulsore e delle batterie agli ioni di litio da 40 kWh senza impattare in alcun modo sul look classico o sulla guidabilità. Per quanto riguarda le prestazioni, l'accelerazione da 0 a 100 Km/h avviene in 5,5 secondi, dunque più rapidamente rispetto al passato, mentre con un solo ciclo di ricarica si accumula autonomia sufficiente a percorrere 270 Km.

Una curiosità: prima dell'annuncio ufficiale, la E-Type Zero era nota agli addetti ai lavori come Project Dylan. Un appellativo scelto dal personale di Jaguar Land Rover come omaggio a Bob Dylan. Infatti, in modo simile a quanto avviene oggi con la vettura, a metà degli anni '60 il menestrello di Duluth decise di abbandonare le sonorità acustiche per abbracciare l'elettricità del rock'n'roll. L'iniziativa è portata avanti dal team Jaguar Land Rover Classic con l'obiettivo di dare nuova vita a un modello capace di segnare la storia delle quattro ruote, rispettando la tradizione e abbracciando al tempo stesso l'innovazione.

Tags

Commenti

Commenta anche tu