Spagna, Madrid rinomina le strade dedicate ai caduti fascisti

Spagna, Madrid rinomina le strade dedicate ai caduti fascisti
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
30 Aprile Apr 2018 30 aprile 2018

Il sindaco della capitale spagnola avvia una vasta operazione per cancellare la memoria storica del passato franchista del Paese

La giunta comunale di Madrid ha deciso di dare il via a un vasto programma di revisionismo storico rinominando una serie di strade, viali e piazze dedicati a personaggi o episodi rappresentativi del regime franchista che ha governò la Spagna dal 1939 al 1975.

Da decenni la Spagna combatte con la difficile eredità del dittatore Francisco Franco, la cui figura è ancora oggetto di dibattito politico nonostante siano ormai trascorsi ben 43 anni dalla sua scomparsa.

La sindaca di Madrid Manuela Carmena, vicina alla sinistra, ha deciso di dare un contributo alla "defranchizzazione" del Paese realizzando una mappa con tutte le vie della capitale a cui intende cambiare nome. Lo scorso 26 aprile sono state ribattezzate due strade intitolate ai generali franchisti Millan Astray - fondatore della Legione spagnola - e Garcia de la Herranz, caduto nella guerra civile. Le strade sono state reintitolate "strada Justa Freire", dal nome di una famosa educatrice e "strada della cooperazione".

Ora nei piani del Comune sarebbero almeno una cinquantina le strade da rinominare per motivi politici. In Spagna, la questione è regolata dalla cosiddetta "legge sulla memoria storica" approvata nel 2007 dal governo socialista guidato da Josè Luis Zapatero, con cui si prepara il terreno perché le istituzioni a tutti i livelli cancellino gradualmente le tracce del passato franchista del Paese.

Non tutti, però, sono d'accordo con questa politica. Diverse associazioni che si occupano di tenere viva la memoria del regime si sono rivolte alla magistratura per bloccare quest'opera di revisionismo e in effetti in alcuni casi la ridenominazione delle strade intitolate ai generali franchisti è stata bloccata ed è al vaglio dei tribunali.

Una ulteriore dimostrazione di quanto l'opinione pubblica spagnola sia spaccata, tormentata da fantasmi di un passato che sembra non volersi allontanare.

Tags

Commenti

Commenta anche tu