Scovata l'onda più alta dell'emisfero australe

Scovata l'onda più alta dell'emisfero australe
11 Maggio Mag 2018 11 maggio 2018

Un'onda alta circa 24 metri è stata registrata nell'oceano, la più grande nell'emisfero australe, al largo della costa della Nuova Zelanda: il precedente record accadde in Tasmania meridionale nel 2012

Un'onda record di ben 23.8 metri, equivalente a circa un edificio di otto piani, è stata registrata nell'emisfero australe, al largo della costa della Nuova Zelanda. Il precedente primato era di 22.3 metri, rilevato nella Tasmania meridionale nel 2012.

L'attuale record è stato stabilito durante una forte tempesta nei pressi di Campbell Island nell'Oceano Antartico, a circa 700 chilometri a sud della Nuova Zelanda. Secondo gli esperti l'onda è stata generata da un profondo sistema di bassa pressione, con un vento che viaggiava alla velocità di oltre 65 nodi. L'oceanografo Tom Durrant ha riferito: "La regione rappresenta circa il 22% degli oceani del pianeta ed è la parte più energetica degli oceani del mondo in termini di onde".

Onde di questo tipo non colpiscono solo le coste nell'emisfero meridionale, ma anche quelle presenti nell'emisfero settentrionale. Durrant ha anche dichiarato, come riporta Yahoo, quanto segue: "Questo è un evento molto eccitante e, a nostra conoscenza, è la più grande ondata mai registrata nell'emisfero australe. Infatti, i surfisti in California possono aspettarsi che l'energia da questa tempesta arrivi alle loro coste tra circa una settimana. È abbastanza probabile che ci siano state ondate molto più alte durante questa tempesta."

Il servizio meteorologico della Nuova Zelanda, lo scorso marzo, ha installato una boa per misurare la lunghezza dell'onda. La boa a energia solare può funzionare solo 20 minuti ogni 3 ore, come riferisce l'Australian Broadcasting Corp. Secondo lo Smithsonian, la più grande onda mai registrata fu nella baia di Lituya in Alaska nel 1958, alta ben 30.5 metri e fu causata da uno tsunami, che ha ucciso anche 5 persone, spezzato 1.700 alberi ma senza provocare molti danni alle proprietà per la poca presenza di città nelle vicinanze.

Tags

Commenti

Commenta anche tu