Trump vuole stangare le auto straniere

Trump vuole stangare le auto straniere
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
13 Maggio Mag 2018 13 maggio 2018

La Casa Bianca ha allo studio dazi del 20% sui veicoli non prodotti negli Stati Uniti

Il rovescio della medaglia dell'incontro tra Donald Trump e i vertici della Case automobilistiche è arrivato dopo gli elogi a Sergio Marchionne, ad di Fca, in virtù della decisione di trasferire una produzione di veicoli dal Messico al Michigan, e la piena fiducia rinnovata dalla Casa Bianca al capo dell'Agenzia Usa per l'ambiente, Scott Pruitt. La doccia gelata riguarda l'applicazione di dazi del 20% sui veicoli non prodotti negli Usa. E, come se non bastasse, la volontà di imporre standard più elevati sulle emissioni per i costruttori stranieri rispetto a quelli in vigore per le Case automobilistiche americane.

Significa che i motori delle macchine spedite da Europa, Giappone e Corea negli Usa, dovranno sottostare a una nuova omologazione da parte delle autorità di Washington. Con nuovi costi, oltre ai problemi che i dazi, se e quando entreranno in vigore, causeranno.

Gli Usa, ricorda l'Acea (Associazione europea dei costruttori di veicoli) rappresentano la principale destinazione delle esportazioni di auto dell'Ue. E per l'Italia, l'export di vetture in America vale 4,5 miliardi, rispetto ai 4 miliardi del settore agroalimentare. Coldiretti, a questo punto, teme che i dazi di Trump scatenino l'immediata ritorsione dell'Ue che, tra l'altro, ha già stilato la sua black list. Il made in Usa a rischio riguarderebbe le esportazioni di manufatti in ferro, acciaio e ghisa, barche a vela e a motore, moto, mais, riso, burro di arachidi e tanto altro.

«Sarebbe una guerra commerciale con scenari inediti e preoccupanti per l'economia e le relazioni dei due Paesi», l'allarme di Coldiretti. È chiaro che il provvedimento annunciato da Trump è indirizzato soprattutto all'industria tedesca, la stessa che nel 2017 ha esportato 494.000 veicoli negli Usa, rispetto agli 804.000 prodotti in loco.

E questo nonostante Volkswagen, Bmw e Mercedes abbiano portato occupazione nel Paese grazie alle fabbriche nate corso degli anni. Con i dazi al 20%, i costruttori si troverebbero obbligati a ritoccare i listini delle auto esportate verso il basso, allo scopo di attenuare l'impatto del provvedimento sul consumatore. Inevitabili, a questo punto, le riduzioni dei margini.

Insieme a quella tedesca, anche l'industria italiana dell'auto verrebbe colpita, in particolare nel momento in cui Fca sta mettendo a punto le nuove strategie produttive che l'ad Marchionne illustrerà il prossimo 1 giugno a Balocco.

Tutto bene ed elogi di Trump al Marchionne «americano»; una stilettata, invece, per il Marchionne del Lingotto. Il nuovo corso di Alfa Romeo e Maserati, infatti, è legato a doppio filo con lo sviluppo di questi due marchi negli Stati Uniti. Il dazio del 20% e la stretta sulle emissioni per i modelli che varcheranno l'Atlantico potrebbero imporre una revisione della strategia di rilancio proprio alla vigilia dell'Investor Day. Le Alfa Romeo e le Maserati, è stato sottolineato più volte, non si muoveranno come produzione dall'Italia. La tassa del 20% farà cambiare idea a Marchionne? E se così fosse, alla luce di una capacità produttiva satura per Fca negli Usa, non rimarrebbero che gli impianti di Windsor e Brampton, in Canada. Ma questo Paese, insieme al Messico, è al centro delle accese discussioni innescate da Trump sulla validità degli accordi Nafta. E portare le due produzioni lì sarebbe rischioso. E poi c'è Tim Kuniskis, neo capo di Alfa Romeo e Maserati, grande esperto di vendite negli Usa, il quale potrebbe trovarsi - ironia della sorte - a dover puntare su altri mercati a lui poco conosciuti.

Commenti

Commenta anche tu