«Galleria dello Zodiaco area pericolosa» E i ora condomini preparano i cancelli

Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
16 Maggio Mag 2018 16 maggio 2018

Dopo la dichiarazione, in arrivo due barriere per fermare lo spaccio

Valentina Gioia

Un'altra volta sotto i riflettori via Padova, dove rapine, furti, omicidi, spaccio, guerre per il territorio, spedizioni punitive e risse sono considerati la normalità, per gli oltre i 4 chilometri che la percorrono.

In risposta a vere e proprie richieste d'aiuto dei residenti, è stata presentata dal presidente della commissione Sicurezza del Municipio 2, Riccardo Truppo, e da Marco Pizzi, consigliere di Forza Italia, una mozione atta a decretare la pericolosità dell'area nota come galleria dello Zodiaco, situata in via Padova 179.

Quel passaggio, di proprietà dei due condomini sovrastanti e dell'omonimo cinema, è stato più volte scenario di fatti criminosi.

Spaccio, tentativi di stupro, prostituzione e svariate aggressioni, da ultima quella finita in tragedia per un 43 enne romeno, colpito da un connazionale e deceduto in ospedale per emorragia celebrale.

Nonostante le numerose vicende che vedono via Padova protagonista sulle pagine di cronaca nera e nello specifico la galleria dello Zodiaco, l'Amministrazione inizialmente non sembrava favorevole alla mozione.

«Al principio è stata quasi ridicolizzata» afferma il presidente della commissione sicurezza Truppo. Solo in seguito alla costante richiesta dei cittadini e alla sinergica collaborazione tra i promotori, gli amministratori dei condomini e gli stessi proprietari, l'Amministrazione non ha potuto fare altro che rispondere affermativamente alla delibera, permettendo inoltre ai residenti l'installazione di due cancellate che andranno a delimitare l'area interessata e ad emarginare i delinquenti. «Lo scorso 4 luglio, abbiamo presentato una mozione, affinché l'Amministrazione potesse decretare la galleria dello Zodiaco, un'area pericolosa, quale a tutti gli effetti è, visti i suoi precedenti» aggiunge Riccardo Truppo, riferendosi allo sgombero del 4 aprile nell'ex albergo Jolly Inn, all'incrocio tra via Padova e via Cavezzali.

In quell'occasione, lo stabilimento, comprensivo di 180 appartamenti, occupati abusivamente, per lo più da soggetti irregolari, venne espugnato.

Ed è solo uno dei tanti casi, che si ricollega alla nota via, sempre più alla mercé di clandestini e delinquenti. Sarebbe bello poter affermare che via Padova è un laboratorio sociale, ma quando il disagio scatena degrado e delinquenza, rende impossibile o addirittura impensabile parlare di integrazione.

Commenti

Commenta anche tu