Il programma M5s-Lega ora preoccupa i mercati E lo spread torna a salire

Il programma M5s-Lega ora preoccupa i mercati E lo spread torna a salire
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
16 Maggio Mag 2018 16 maggio 2018

Piazza Affari parte in rosso, maglia nera in Europa. Lievita la benzina: 1,60 euro al litro

Come hanno preso i mercati la bozza del programma dell'eventuale governo gialloverde? Di certo il passaggio sulla cancellazione del debito da parte della Bce di 250 miliardi e l'ipotesi di un'uscita dall'euro hanno avuto conseguenze sulle borse e sullo spread. Piazza Affari apre con la maglia nera ed è in calo dello 0,85 per cento per poi perdere fino a quasi il 3 per cento. Parigi è stabile mentre Francoforte guadgna un timido 0,17. Madrid invece cede lo 0,2 per cento. E a Piazza Affari sono le banche a perdere terreno con il -2 per cento di Ubi Banca, -1,45 di Banco Bpm. In difficoltà anche A2a che perde l'1 per cento e l'Enel con -1,7 per cento.

E in questo quadro torna a crescere anche lo spread che adesso tocca i 150 punti base. Il differenziale tra i titoli di stato italiani e quelli tedeschi negli ultimi mesi era stato abbastanza stabile al ribasso. Adesso si registra un'impennata. Insomma la trattativa per la formazione del governo e soprattutto i contenuti del programma agitano e non poco i mercati. Il tutto nell'attesa della scelta di un premier e di una lista di punti definitivi da attuare con le mosse del governo che verrà. Ultima nota da registrare: rialzo della benzina che tocca 1,60 euro al litro. Il prezzo della carburante infatti è aumentato sulla scia dei rialzi delle quotazioni di petrolio. Secondo quanto emerge dalle tabelle del Mise, il prezzo medio praticato sulla rete italiana si porta a quota 1,606 euro. Si tratta dei massimi da fine luglio 2015.

E sulle reazioni dei mercati sono arrivate le parole di Bagnai della Lega: "Dopo l'esperienza Monti, insediato con il ricatto dello spread, che ha fatto aumentare il debito di 13 punti di pil, se gli italiani sono disposti a accettare questo ricatto, allora direi che se lo meritano. Ma io non credo che siano disposti". "Lo spread - ha aggiunto Bagnai - non dipende dal Dio mercato, ma da come viene gestito dalla Bce, adesso è basso nonostante il debito sia più alto e questo vuol dire solo una cosa: che il costo del debito pubblico viene gestito dalle politiche monetarie della Bce. Uno spread che salisse sarebbe indicazione di un atteggiamento ingiustamente aggressivo della Bce nei nostri confronti". E sui movimenti dei mercati è intervenuto anche Matteo Salvini: "Sale lo spread: preoccupazione... Se nei salottini dove hanno deciso che il futuro dei nostri figli è nella precarietà sono preoccupati vuol dire che stiamo facendo qualcosa che è giusto".

Tags

Commenti

Commenta anche tu