Bacon e Giacometti, due geni "quasi amici": una gara di bravura nel ritrarre la figura umana

Bacon e Giacometti, due geni quasi amici: una gara di bravura nel ritrarre la figura umana
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
17 Maggio Mag 2018 17 maggio 2018

In mostra le opere dei due grandi artisti a confronto, con molti punti in comune

Alberto Giacometti, lo scultore dei silenzi, e Francis Bacon, il pittore delle urla, furono «quasi amici». La storia di questa affinità elettiva che non ha avuto tempo per diventare più profonda merita di essere narrata: lo fa la Fondation Beyeler allestendo nei suoi luminosi spazi espositivi di Riehen, appena fuori Basilea, una di quelle mostre difficili da dimenticare (e da replicare): il pubblico di appassionati in arrivo tra poche settimane per Art Basel l'ha già posta in cima all'elenco delle esposizioni da non perdere.

Bacon-Giacometti (fino al 2 settembre) prende il via da una fotografia, scattata nel '65 alla Tate di Londra: i due uomini il pittore irlandese Bacon, all'epoca 56enne, in giacca e maglione, e lo scultore svizzero Giacometti, esile e più anziano di otto anni, sarebbe morto solo pochi mesi dopo si guardano negli occhi. Il 23enne Graham Keen, studioso d'arte e grande fan di Giacometti, li osserva dall'obbiettivo, a riverente distanza: lo scultore sta allestendo la sua personale e appare pensieroso, Bacon si avvicina per parlargli. Paiono conoscersi bene. I critici dell'epoca avevano sovente accostato i loro nomi quale esempio di esistenzialismo «alla Sartre», ma in un percorso di cento opere alcune celebri, come L'uomo che cammina di Giacometti o Studio per il ritratto VII di Bacon, in prestito dal MoMa, altre mai esposte prima come alcuni gessi dello scultore - i curatori Catherine Grenier, direttrice della Fondation Giacometti di Parigi, Michael Peppiatt, amico personale di Bacon, e Ulf Küster, ci svelano che le cose non stanno esattamente così. Sono ben altre le convergenze tra i due. La prima delle quali è Isabel Rawsthorne. È lei che li fece conoscere: intima amica di entrambi, è stata modella e pittrice con fama di mangia-uomini solo perché era un'intellettuale poco convenzionale persino per la Parigi degli anni Trenta. A quell'epoca conosce Giacometti (diventano per un breve periodo amanti, finita la guerra). Della testa e del corpo di Isabel lo scultore fa un santino, modellandola prima nella ieratica posa di una novella Nefertiti poi, dopo averla vista passeggiare per Boulevard Saint-Michel, «riducendola in scala». Ha inizio così l'ossessione giacomettiana per figurine sempre più piccole e sottili: il corpo dell'amante si dissolve, l'artista elabora in scultura la dissolvenza ottica. Negli anni '60 anche Bacon è sedotto da Isabel: la dipinge nello strepitoso Ritratto in piedi in una strada di Soho come elegante femme fatale dallo sguardo felino.

Altro che esistenzialisti: Giacometti e Bacon erano profondamente affascinati dalla fisicità. La figura umana è l'incontrastata protagonista della mostra dove i lavori dei due sono felicemente accostati per nove sale. Leggendo i documenti sulla genesi delle opere esposte, emergono aspetti comuni. Giacometti scavando sempre più nervosamente nella materia, Bacon muovendo sempre più vorticosamente il pennello sulla tela avevano un modus operandi simile: si ostinavano a fare e rifare gli stessi modelli, con una rabbia che sarebbe meglio definire violenza creativa, dunque vitale, non certo «esistenzialistica» e rinunciataria. In mostra (dove spicca una sezione di ritratti: una mostra nella mostra) li vediamo riflettere in parallelo, ben prima di incontrarsi, sulla rappresentazione del corpo nello spazio e sul senso del limite: la celeberrima Boule suspendue e Il naso di Giacometti e le Figure in movimento (in realtà creature antropomorfe ingabbiate) di Bacon danno vita a una delle sale più intriganti dell'esposizione.

Commenti

Commenta anche tu