Ballando, Milly Carlucci soddisfatta per questa edizione

Ballando, Milly Carlucci soddisfatta per questa edizione
17 Maggio Mag 2018 17 maggio 2018

Intervistata dal settimanale Spy, Milly Carlucci ha espresso tutta la sua gioia per questa ultima edizione di Ballando con le stelle: "La riflessione è continuata all'interno delle famiglie"

A pochi giorni della finale di Ballando con le stelle, Milly Carlucci traccia un quadro completo con il settimanale Spy dell'edizione di quest'anno.

"Sono più che soddisfatta - spiega alla rivista -. Abbiamo fatto qualcosa di diverso rispetto al classico programma di intrattenimento, abbiamo portato dei temi importanti trattandoli in maniera leggera come deve fare uno show del sabato sera. A volte le trasmissioni possono essere di grande successo nei numeri, ma poi molto criticate. I numeri si possono fare anche con cose oltraggiose e scene turche, ma non fanno parte della deontologia del servizio pubblico. Noi dobbiamo mantenere saldi certi principi fondamentali: intrattenere il pubblico preservando eleganza, rispetto e parità di opinioni. La presenza di Gessica Notaro e di Giovanni Ciacci ci hanno dato due argomenti che vanno al di là del semplice 'spettacolo' e la riflessione è continuata all'interno delle famiglie".

Milly Carlucci, quindi, non nasconde la sua soddisfazione per questa edizione di Ballando, un'edizione caratterizzata da meno risse tra giudici e i concorrenti, ma qualche polemica in più tra la conduttrice e i colleghi, come Fabio Fazio e Luciana Littizzetto. "Ma no, le polemiche sono fatte nel post trasmissione su Internet, perché fa parte del gioco - conclude la conduttrice di Ballando -. Ognuno fa il proprio lavoro, la propria strada. Fazio ha ingaggiato un dialogo sul filo dell'ironia e del divertimento e io ho solo cercato di essere in sintonia". E sulla Littizzetto che ironizzato sul suo aspetto "ibernato"? Milly Carlucci replica: "Quando si fa spettacolo bisogna accettare battute e ironia, fa parte del gioco. Mai prendersi troppo sul serio".

Tags

Commenti

Commenta anche tu